Connettiti con noi

News

Sampdoria Primavera, Prelec: «Io come Katanec. Sogno? Vincere lo Scudetto» – VIDEO

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Nik Prelec, centravanti della Sampdoria Primavera, si è raccontato ai canali ufficiali del club blucerchiato – VIDEO

Nik Prelec, centravanti della Sampdoria Primavera si è raccontato ai canale ufficiali del club blucerchiato, svelando tutti i suoi segreti. Ecco le dichiarazioni dell’attaccante sloveno classe 2001.

CRESCITA –  «I primi due anni alla Samp sono passato dalla Primavera all’Under 17, ma nella scorsa stagione mi sono confermato e ho giocato quasi tutte le partite da titolare con mister Cottafava. Avevamo fatto molto bene, piazzandoci sesti in classifica. Poi con la questione Coronavirus ci siamo dovuti fermare».

FUTURO –  «Con mio papà e con il mio procuratore abbiamo ragionato su quale fosse la scelta migliore per diventare un professionista serio e qui alla Sampdoria mi hanno fatto vedere tante belle cose, dai campi a Casa Samp che è bellissima: sono stato uno dei primi a visitarla».

DOTI – «Le mie qualità sono l’essere veloce ma soprattutto la forza, sono cose che mi porto dietro da quando sono piccolo. Nel proteggere la palla e vincere i duelli uno contro uno sono bravo, ma tecnicamente devo ancora migliorare e sto imparando a farlo qui. Katanec? Un idolo, so che è stato un simbolo in blucerchiato, lo ammiro molto e spero di arrivare ai suoi livelli».

OBIETTIVI – «Quest’anno sta andando bene ma voglio arrivare almeno in doppia cifra. Siamo un gruppo perfetto, come una famiglia. Ho un sogno chiamato Scudetto. Dopo la pausa abbiamo capito che potevamo costruire qualcosa di importante. Allenarmi con i grandi campioni della Sampdoria, come Quagliarella, mi sta facendo crescere: mi danno sempre ottimi consigli. Il rinnovo contrattuale?  Un grande attestato di stima».

NAZIONALE – «L’Europeo con l’under 21 per me era un traguardo importantissimo, ero uno dei più giovani in squadra: giocare contro grandi campioni che magari giocano già in Serie A voleva dire tanto».