Puggioni: «Rinnovo? Prolunghiamo una storia d’amore»

puggioni sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Da riserva a protagonista, la straordinaria annata di Christian Puggioni, che ora punta al rinnovo

Crescere con un sogno e riuscire a realizzarlo è probabilmente una delle più belle soddisfazioni che una vita possa dare, non a tutti è concessa questa fortuna ma ogni tanto c’è qualcuno che ci riesce. Christian Puggioni è uno di questi: genovese, sampdoriano, cresciuto nel settore giovanile e poi partito per un giro dell’Italia che l’ha riportato a oltre 30 anni nella piazza del suo cuore. Gli ultimi mesi per lui sono stati a dir poco incredibili: da riserva di Emiliano Viviano complice l’infortunio patito dal numero 2 nella gara di Pescara, è diventato titolare risultando spesso decisivo come nella partita casalinga contro l’Empoli, dove ha parato un rigore assolutamente fondamentale in termini di risultato: «Quando venni alla Sampdoria – racconta il portiere blucerchiato ai microfoni di Primocanale – arrivavo da un momento particolare dove avevo vissuto un anno da separato in casa dove mi allenavo la sera, fondamentalmente da solo, quindi ci poteva essere qualche reminiscenza sulla mia condizione, o comunque quello che potevo dare a livello di gruppo e di presenza in campo. Con la società facemmo una scommessa con la promessa di rivederci dopo un anno per valutare realmente quali potevano essere le mie condizioni, io scommisi dal punto di vista economico perché andai a percepire meno della metà di quello che guadagnavo a Verona e la società d’altro canto si impegnò a rivedermi eventualmente il contratto se le cose fossero andate come tutti si auspicavano». 

PUGGIONI: «PROLUNGHIAMO UNA STORIA D’AMORE» – «La società – prosegue Puggioni – era già contenta l’anno scorso per quello che era stato dato sul campo, la parte più recente che mi ha visto costretto a scendere in campo forse ha dato una spinta in più, quindi ora stiamo parlando tranquillamente di prolungare una storia d’amore. Dentro di me ti posso assicurare che la cosa più importante è il bene della Sampdoria, quindi io ho il dovere di allenare al meglio Christian Puggioni, perché Christian Puggioni è una risorsa per la Sampdoria e per l’allenatore, ma la scelta delle risorse da utilizzare non spetta né a Christian né alla gente che va in gradinata».