Connettiti con noi

News

Sampdoria, Ranieri alza la voce: «Non mi piace prendere in giro»

Giacomo Primo

Pubblicato

su

ranieri sampdoria

Claudio Ranieri, allenatore della Sampdoria, ha fatto il punto sulla corsa salvezza e ha commentato il rigore dubbio contro la Lazio

Claudio Ranieri, allenatore della Sampdoria, ha fatto il punto sulla corsa salvezza e nuovamente ha commentato il contatto in area tra Musacchio e Quagliarella durante la sfida contro la Lazio. Le sue parole tra le pagine de Il Secolo XIX.

SALVEZZA – «Bisogna dare il meglio in ogni prestazione poi all’ultimo si tirano le somme. Siamo salvi? Ancora no, non siamo a 40 punti, anche se sembra che quest’anno ne serva qualcuno in meno. Però io già ho detto che se ne abbiamo fatti 26 nell’andata, perchè non avere voglia di farne altri 26 al ritorno e arrivare così a 52. Io metto uno step alla volta di fronte ai miei ragazzi, per dare motivazioni. A me non piace accontentarmi. Voglio sempre giocare per vincere e vedo che anche loro in allenamento non ci stanno a perdere
nemmeno una partitella. E lì non ci sono in palio i 3 punti o la classifica. Io voglio vedere
sempre quello spirito». 

EPISODIO DUBBIO – «Se mi fanno vedere una sequenza dove non si evince il contatto, come faccio a dire che è rigore? Strano semmai è che il Var abbia mostrato solo quella sequenza. Ma io non posso dire che Ë rigore se il mio giocatore non protesta e nessuno vicino a lui lo fa. Non mi piace prendere in giro, anche se l’episodio è contro di me. Se vedo che c’è».

ARBITRO – «È sempre stato un po’ severo con la Samp e con me. Due sconfitte con Frosinone e Bologna. Speriamo bene».

Advertisement