Ranieri oltre la Roma: «Ho chiesto alla Samp di vincere»

Ranieri Sampdoria
© foto SampNews24.com

Sampdoria-Roma, la conferenza stampa di Ranieri: leggi le parole del tecnico blucerchiato dopo la sfida del “Ferraris”

SAMPDORIA-ROMA: LE PAGELLE
SAMPDORIA-ROMA: GLI HIGHLIGHTS

Claudio Ranieri è intervenuto in conferenza stampa per analizzare la sfida del “Ferraris” tra Sampdoria e Roma: «Dopo sei giorni di lavoro mi ritengo soddisfatto. La Roma ha tirato pochissimo in porta, segno che i ragazzi hanno interpretato bene la gara. Il risultato sarebbe stato una conseguenza, ma ho chiesto loro di vincere. I tifosi hanno apprezzato lo sforzo che abbiamo fatto, sono stati meravigliosi».

«Non ho nulla da recriminare, Pau Lopez ha fatto due grandi parate. Siamo partiti con il piede giusto per lo spirito di sacrificio. Avete visto quanto si è speso Quagliarella?. Non potevo fare miracoli in cinque allenamenti. Mi sono applicato sotto l’aspetto fisico, di tattica difensiva abbiamo parlato poco. Ho dato alcune idee e detto ai ragazzi di divertirsi, loro si sono impegnati. Soltanto grazie al lavoro quotidiano riusciremo a migliorare».

«Bertolacci era quello più assatanato, anche se per me dovevano giocare Ekdal e Vieira. Poi Ekdal è rientrato stanco dalla nazionale e ho preferito farlo partire dalla panchina. Comunque Bertolacci può giocare insieme a Ekdal»

«La strada maestra è quella di saper cambiare sistema di gioco. Io sono venuto lunedì convinto di giocare con il rombo, poi ho visto determinate partite e cambiato idea. Sono un allenatore caratteriale. E non puoi dare carattere a chi non ce l’ha, ma questo è un problema che non riguarda la mia squadra».

«Gabbiadini non mi ha deluso, anche se da lui ci si aspetta sempre il colpo. Nel momento in cui la squadra non ha le stelle dalla sua parte, dobbiamo ricreare autostima e abbiamo bisogno di risultati perché tutti i giocatori sappiano esprimersi al meglio».