Sampdoria – Sassuolo: dati statistici chiari, la Sampdoria meritava la vittoria

anno
© foto www.imagephotoagency.it

Cala il sipario su Sampdoria – Sassuolo con la vittoria dei blucerchiati contro la squadra di Di Francesco. La statistica conferma il risultato, blucerchiati migliori degli avversari

Sampdoria – Sassuolo è una di quelle partita che ti accendono una lampadina nel cassetto della memoria. Non è detto che sia un ricordo positivo, però a vedere come è maturata la vittoria di ieri non è tanto strano che torni in mente quando era la Sampdoria a subire tre gol in cinque minuti da quella che allora era un’Inter abbastanza forte. Ieri è stata la squadra di Giampaolo a crederci sempre, fino alla fine, trascinata da Quagliarella alla sua centesima marcatura e da uno splendido Muriel.

STATISTICHE TUTTE POSITIVE PER I BLUCERCHIATI – A guardare il dato statistico se la Sampdoria avesse perso il match avremmo potuto parlare comodamente di sfortuna, di risultato bugiardo. I blucerchiati sono quelli che vanno più volte al tiro, sia in area di rigore (5) sia da fuori (10). La Sampdoria crea il doppio delle occasioni da gol (12 contro le 6 del Sassuolo). Si porta più volte vicino alla bandierina del corner e lo ottiene (9), forse avrebbe dovuto sfruttarli meglio, ma questa è un’altra questione.
Migliorano nettamente anche le statistiche dei palloni pesi e recuperati: per ogni sfera perduta c’è sempre stata una recuperata, a differenza degli avversari che perdono di più di quello che raccolgono. Netto il dato delle azioni manovrato (23 contro le sole 12 dei ragazzi neroverdi).
CENTROCAMPO PERFETTO CON TORREIRA E LINETTY – Il dato dei lanci lunghi del portiere del Sassuolo ci fa capire anche quanto sia ostico il centrocampo della Sampdoria, tanto da dover obbligare il portiere avversario a cercare di saltarlo con la rimessa dal fondo. Torreira e Linetty sono quelli che recuperano più palloni di tutti nell’arco del match (5 a testa) seguiti da Regini. Torreira è anche quello che subisce più falli durante i 90 minuti di gioco, assieme a Muriel (4 a testa). Il più sfortunato della gara è invece Bruno Fernandes, ci prova ben quattro volte ad andare in porta ma le sue conclusioni non inquadrano la rete e finiscono tutte fuori. Le occasioni da gol arrivano però dai piedi degli attaccanti: per arrivare a cento il buon Fabio Quagliarella ci prova sei volte, Muriel ha quattro chiare occasioni, una la realizza mentre il secondo gol arriva grazie al rigore.
PRAET SEMPRE DECISIVO, DIETRO TANTO FALLOSI – Entra a partita in corso e gioca solo 24 minuti di Sampdoria – Sassuolo, riuscendo però ad essere decisivo: un pallone recuperato e un assist che aiutano la squadra a non perdere la concentrazione. Dietro qualche amnesia difensiva e un po’ troppi falli gratuiti: Sala, Silvestre, Skriniar portano a casa una ammonizione a testa, mentre Regini contribuisce purtroppo al primo gol realizzato da Ricci. Sicuramente qualcosa da rivedere per Giampaolo in vista della gara contro il Crotone dove la Sampdoria dovrà essere perfetta.