Sampdoria-Spal, Regini ammette: «Siamo sesti per merito»

regini mixed zone sampdoria-benevento
© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria-Spal, Regini rende i meriti ai suoi compagni di squadra per il sesto posto. L’obiettivo è mantenerlo fino alla fine del campionato

Sampdoria-Spal chiude il girone di andata dei blucerchiati di Giampaolo. Ultima partita del 2017 e ottima vittoria in casa contro una squadra ostica che, per novanta minuti, ha provato a far rimanere inviolata la porta protetta da Gomis. Da parte sua la Sampdoria ha cercato di fare la gara e, fino al rigore conquistato da Ramirez, ha avuto tantissime occasioni per cercare di trovare il vantaggio: lo dimostrano le statistiche sui corner e sui tiri verso lo specchio della porta. L’avversario però non ha dato modo ai ragazzi in blucerchiato di inquadrare mai veramente la porta se non grazie al tiro dagli undici metri. A siglare il risultato due reti di Quagliarella che chiude da miglior marcatore blucerchiato questo girone di andata di Serie A.

Intervenuto ai microfoni della zona mista, Vasco Regini commenta la prestazione messa in campo contro la Spal ma soprattutto il sesto posto della Sampdoria: «Era molto importante vincere perché venivamo da un momento in cui i risultati non erano a nostro favore sebbene le prestazioni non fossero state brutte. Abbiamo passato un momento sfortunato che con questa vittoria riusciamo a mettere da parte, questa vittoria chiude un 2017 secondo il mio parere molto positivo. Quagliarella, lo conosciamo, sappiamo che giocatore è per il campionato e per il gruppo: una volta risolti i suoi problemi personali si sta esprimendo nonostante l’età ai massimi livelli, con l’allenamento quotidiano riesce a sopperire magari ad altri aspetti. Abbiamo chiuso sesti e non è un caso, se dopo venti giornate sei ancora lì devi provare a starci fino alla fine. Noi siamo abituati a non fare programmi sul lungo periodo, ora ci godiamo i giorni liberi, poi penseremo al Benevento in trasferta contro una squadra in ripresa che ha trovato la prima vittoria e non sono assolutamente da sottovalutare».