Connettiti con noi

Focus

Sampdoria Spezia: top e flop del match VOTI

Pubblicato

su

sampdoria

Sampdoria Spezia, i top e i flop del match della 36a giornata del campionato di Serie A: quanta fatica Bereszynski, Keita non si ferma più

La Sampdoria chiude con un pareggio contro lo Spezia in occasione della 36a giornata del campionato di Serie AI top e i flop del match.

LEGGI ANCHE – Sampdoria-Spezia: gli highlights del match


Sampdoria-Spezia: i top del match

Ekdal 6 – Ritorna dal primo minuto e gioca da regista con due mezzali, non di ruolo, al fianco. Soffre la manovra aquilotta nei primi venti minuti e non riesce a dettare i tempi. Decisamente meglio quando la Sampdoria alza il baricentro. Lo svedese non ha la migliore condizione e ne risente nella ripresa. Prende, infatti, un giallo evitabile. Un rientro da sufficienza appena raggiunta.

Verre 6,5 – Ranieri lo richiama per la prima mezzora perché non soddisfatto del pressing sui portatori avversari. Sono molti anche gli errori in fase di impostazione. Il gol, fortunato nel rimpallo, migliora la sua prova. Nel secondo tempo prova a supportare l’attacco ma non riesce a giocare tra le linee, ha qualche buono spunto che crea alcuni pericoli agli ospiti ma la stanchezza si fa sentire

Keita 7 – Il senegalese entra  con la giusta determinazione e crea dopo pochi minuti una grande occasione. La serata prende la piega giusta quando il suo sinistro regala il 2-2 e lancia segnali alla società.


Sampdoria-Spezia: i flop del match

Bereszynski 5 – Il polacco comincia male, sembra patire le scorie della disfatta di San Siro. Troppo mollo il suo intervento di testa che poi libera Pobega per lo 0-1. Poco dopo si fa saltare da Farias che si divora il 2-0. Nella ripresa, dopo la prima frazione in apnea, prende sicurezza e cresce in fase propositiva, funziona meglio il dialogo con il centrocampo. Troppe, però, le difficoltà nel contenere le folate dello Spezia.

Tonelli 5,5 – Il difensore soffre l’aggressività degli spezzini ed è spesso in ritardo, complici le numerose perdite di equilibrio. Non trasmette sicurezza alla retroguardia, mentre è sempre un pericolo per gli avversari sulle palle inattive. Prova ad alzare la linea difensiva della Samp ma non è molto preciso nelle sue chiusure. Una gara, nel complesso, sottotono.

Gabbiadini 5,5 – L’attaccante è poco servito dai compagni, si fa vedere nel dialogo con Quagliarella, che non dà sempre i frutti sperati. Nel gol di Verre ci mette lo zampino ed è uno spauracchio per la difesa dello Spezia, nonostante le poche chance create. Da segnalare la corsa e i sacrifici per disturbare la manovra avversaria. Nella ripresa forse sente la fatica dei chilometri percorsi e sembra uscire un po’ dal gioco. Ranieri se ne accorge e lo richiama in panchina.

Advertisement
Advertisement

News

Advertisement