Sampdoria-Torino, Mazzarri: «In campo solo chi sta bene»

© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria-Torino, Mazzarri in conferenza stampa presenta il match al “Ferraris”

Manca solo un giro di orologio a Sampdoria-Torino, partita che viene definita uno scontro diretto per l’obiettivo Europa League. Walter Mazzarri farà ritorno tra le mura del “Ferraris” nelle quali ha trascorso due stagioni come tecnico della Sampdoria e l’emozione come affermato in conferenza stampa sarà tanta. L’attuale allenatore del Torino, al pari di Giampaolo, presenta la sfida sottolineando che il grande entusiasmo della Sampdoria è sicuramente uno scoglio importante da superare: «Domani andiamo ad affrontare una partita su un campo difficile. Dopo la vittoria contro la Roma penso che alla Sampdoria siano pieni di entusiasmo e non avevano bisogno di altro entusiasmo ancora. Abbiamo lavorato bene durante la settimana, provando varie soluzione. Se vogliamo fare un risultato importante dobbiamo evitare gli errori fatti con il Benevento – come riporta Toro.it -. La formazione? Quando mando in campo un giocatore è perché può fare i novanta minuti. Questo è un discorso che vale in generale, ho una rosa ampia a disposizione per il campionato quindi preferisco mandare in campo quelli che stanno bene. Ljajic? Si è messo bene a disposizione, oggi faremo la rifinitura e vedremo chi giocherà».

«Alla Sampdoria ho passato due anni bellissimi, importanti. Quando arriverò lì sentirò certamente delle sensazioni belle, è bello fare delle sfide lì. La cosa che mi interessa e dare gli input giusti alla squadra per fare bene. Quagliarella? E’ un ragazzo d’oro, è un giocatore e un uomo di grandi qualità. Il mercato di gennaio non è mai facile, se si deve rinforzare una squadra ci devono essere dei giocatori disponibili che per noi possano essere davvero dei rinforzi. Se ci guardiamo intorno vediamo che neanche le altre hanno fatto molto, forse non c’è stata la possibilità di prendere dei giocatori che per noi fossero davvero dagli infortuni. Io poi sono arrivato da poco e devo ancora valutare bene tutta la rosa. Domani si dovrebbe partire con il modulo che schierato finora, con il Sassuolo abbiamo cambiato in corsa. Numericamente siamo tanti in rosa, sia in attacco che in difesa. Da qui a giugno valuterò tutta la rosa. Dal punto di vista fisico domani abbiamo un test importante contro una squadra che va a mille. Dobbiamo lavorare anche sulla maturità, nei novanta minuti dobbiamo gestire meglio tutte le situazioni e leggerle meglio. Anche con il Benevento abbiamo preso un contropiede sul 3-0 con loro in dieci, con il Bologna sul 2-0 abbiamo preso due contropiedi. Dobbiamo crescere sotto questo aspetto».