Connettiti con noi

Focus

Sampdoria Verona: top e flop del match VOTI

Francesca Faralli

Pubblicato

su

sampdoria

Sampdoria Verona, i top e i flop del match della 31a giornata del campionato di Serie A: Keita risorge, male Verre

La Sampdoria risorge tra le mura del Ferraris e batte il Verona in occasione della 31a giornata del campionato di Serie AI top e i flop del match.

LEGGI ANCHE – Sampdoria-Verona: gli highlights del match


Sampdoria-Verona: i top del match

Keita 7 – Entra bene in partita il senegalese. Ci prova sul cross di Candreva e serve involontariamente Jankto per l’1-1. Pochi minuti dopo offre il pallone perfetto allo stesso 14 blucerchiato che spreca un’incredibile occasione. Si va a prendere il rigore che permette alla Samp di portarsi avanti. Il 10 sembra aver dimenticato il brutto momento delle ultime settimane.

Jankto 6,5 – Il ceco torna sulla fascia ma si capisce fin dall’inizio che per lui è una partita difficile. Non riesce ad incidere né in termini di sacrificio, non aiuta, infatti, i terzini nel contenere l’ottimo fraseggio degli scaligeri sull’esterno, né in chiave offensiva. Sono troppi gli errori, anche nei passaggi più semplici. Rischia con la spallata che rifila a Faraoni in area blucerchiata. Nella ripresa, resta in campo, a sorpresa, e cambia tutto. Trova una bordata di sinistro che regala l’1-1 alla Samp. Si divora il 2-1 pochi minuti dopo sul servizio perfetto di Keita. Pare ritrovato dal punto di vista mentale.

Candreva 7 – Entra e cambia il match. Cross per Keita, che poi devia per Jankto e la Samp raggiunge il pari. Sembra aver archiviato la prova negativa con il Napoli. Anche in fase contenimento è attento e prova a bloccare le ripartenze del Verona. Chirurgico il lancio per Keita che si guadagna il rigore.


Sampdoria-Verona: il flop del match

Verre 5,5 – L’8 blucerchiato entra a sorpresa nell’attacco della Samp. Se all’andata il trequartista è stato decisivo per la vittoria finale, oggi, al Ferraris sembra fuori dalla partita. Apprezzabile solo per la sua qualità, le potenzialità ci sono e si vedono, suo l’unico tiro ligure che ha impensierito Silvestri nel primo tempo. All’11’ prende un giallo per la troppa irruenza e sulla conseguente punizione il Verona passa. Forse da lì resta condizionato per tutta la sfida.

La Gumina 5,5 – L’ex Palermo non rinuncia a combattere per trovare il pallone. Ha tutto l’attacco della Samp sulle spalle ed è spesso isolato là davanti. Impreciso negli scambi. Guadagna qualche punizione ma non è abbastanza. Decisamente meglio in fase difensiva, sui tantissimi corner gialloblu è più utile dei difensori che non riescono mai a darci.

Damsgaard 5,5 – Il talento della Samp non riesce ad essere incisivo. Ranieri gli chiede troppo, non può, da solo, tenere alto il baricentro della squadra senza l’appoggio di un attacco di quantità e qualità. Soffre la velocità e il senso tattico dei veneti, molto organizzati. La sua partita è priva di spunti.

Advertisement