Dal Ferraris al Ferraris: Schick, calvario finito

Schick highlights
© foto www.imagephotoagency.it

Un lungo stop, ora di nuovo il campo: Patrik Schick rientrerà proprio al “Ferraris”, in occasione di Genoa-Roma

Un pizzico di amarezza per i tifosi della Sampdoria, nel veder partire un talento puro come Patrik Schick, c’è stata. Col senno di poi, però, la sua assenza non si è fatta sentire e Duvan Zapata ha rimpiazzato alla grande l’attaccante ceco che, al contrario, ha vissuto mesi difficili finora. Il suo trasferimento alla Roma porterà in totale circa 40 milioni di euro nelle casse di Corte Lambruschini, ma per adesso i giallorossi sembrano aver fatto un buco nell’acqua: a causa di ripetuti stop derivati da problemi muscolari – che hanno rincarato la dose, dopo quelli cardiaci di quest’estate – l’ex numero 14 blucerchiato ha totalizzato solamente una presenza con la nuova maglia, subentrando nel finale di partita contro l’Hellas Verona per appena 15′. Da quel 16 settembre, solo dolore e riabilitazione, o al massimo panchina: la titolarità è ormai cosa sconosciuta a Schick, che non rientra in undici titolare dal 28 maggio scorso (Sampdoria-Napoli).

Adesso, però, il vento sembra cambiato e oggi il classe ’96 è finalmente rientrato in gruppo a Trigoria, riuscendo anche a segnare un gol nella partitella disputata in famiglia. A meno di altri colpi di sfortuna, ecco che sabato il suo nome dovrebbe finalmente tornare a comparire nella lista dei convocati di Eusebio Di Francesco: il destino ha voluto che il rientro in campo coincidesse proprio con la trasferta contro il Genoa, in quel “Ferraris” che tanto ha saputo dargli in termini di calore, soddisfazioni e crescita personale. E chissà che domenica pomeriggio Di Francesco non decida di concedergli gli ultimi minuti, quelli che la scorsa stagione Schick riusciva sempre a sfruttare al massimo, realizzando reti spettacolari e decisive. Certo, un gol agli ex rivali sanerebbe almeno in parte la ferita ancora aperta nel cuore dei tifosi della Sampdoria, che non hanno preso bene il modo in cui il giocatore ha lasciato Genova. Il presidente James Pallotta lo ha già caricato a dovere, con un semplice ma significativo: «Ci aspettiamo molto da lui».