Schick, la Sampdoria e la Serie A: «Ho fatto molti progressi»

schick bogliasco
© foto www.imagephotoagency.it

In ritiro con la Repubblica Ceca U-21, Patrik Schick ripercorre l’ultimo anno e pensa al futuro: «In Italia si lavora tantissimo sulla tattica. La Sampdoria…»

Rivelazione della Serie A, ma ora eroe principale della Repubblica Ceca U-21, che cerca il passaggio al turno successivo proprio contro l’Italia. Patrik Schick ha parlato ai microfoni de “La Gazzetta dello Sport” in Polonia, dove si sta svolgendo l’Europeo U-21, e il talento ceco ha ripercorso il suo ultimo anno: «Se ripenso a quando sono arrivato alla Sampdoria, vedo che ho fatto grandi progressi. All’inizio ogni cosa era complicata, adesso è tutto più semplice. Ma ho fatto appena un anno, ce n’è di strada da fare. Cosa mi ha sorpreso? La tattica. Lo dicono tutti, ed è vero. In Repubblica Ceca non facevamo così tanto lavoro tattico. Magari si faceva un’ora o due a settimana, in Italia un’ora o due al giorno… chi mi ha sorpreso di più? Rugani». Magari Schick ha anche qualche consiglio per i suoi compagni, che potrebbero esplodere in Serie A come successo per lui e Jankto in quest’annata: «Non faccio un nome, sarebbe ingiusto nei confronti degli altri. Però fare la Serie A è un’esperienza che ti fa crescere tantissimo. Nello spogliatoio ne parlo spesso e consiglio a tutti di valutare le proposte che arrivano dall’Italia. La Serie A è un campionato davvero importante». In attesa dell’ufficialità del suo passaggio alla Juventus, il giocatore della Sampdoria spera di fare uno scherzetto all’Italia, sua prossima avversaria nell’avventura in Polonia.