Connettiti con noi

News

Serie A, Cesari: «Arbitri? Ci vuole più coerenza e formazione»

Giacomo Primo

Pubblicato

su

Graziano Cesari, ex arbitro di Serie A, ha commentato l’operato dei fischietti italiani in questa prima parte di campionato

Graziano Cesari ha commentato l’operato degli arbitri italiani in questa prima parte di stagione. L’ex fischietto di Serie A, tra le pagine de Il Corriere dello Sport, ha affrontato anche il tema della formazione arbitrale.

FORMAZIONE – «Devo dire che la formazione in effetti è insufficiente. Non basta fare corsa, spiegare, teorizzare. Detto questo, come si ottiene il rispetto sul campo da gioco? Mantenendo una linea di condotta assolutamente coerente. Un diagramma che sale e che scende, una direzione di gara ondivaga non trasmettono il messaggio corretto».

ESTETICA – «Adesso gli arbitri sono tutti alti, belli, biondi, con gli occhi azzurri e la barbetta e quando andiamo al sodo, ahia. Ma dico io, capisco il lato estetico, però uno piccolo e brutto capace di arbitrare ci sarà, no?».

PERSONALITA’ – «Più semplice espellere uno qualsiasi piuttosto che un Cristiano Ronaldo? Non me lo chieda neppure. Se per qualcuno è più difficile, quel qualcuno non è un arbitro. Perlomeno non è un Arbitro».

Advertisement