Serie A, protocollo a tempo determinato: quarantena fino al 31 maggio

Rocha Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Serie A, le regole poste dal protocollo relative alla quarantena dei calciatori potrebbero cambiare dopo il 31maggio

La ripresa del campionato di Serie A è condizionata dal rispetto delle regole stringenti poste nel protocollo per gli allenamenti. Le condizioni del Cts preoccupano i venti club di Serie A, soprattutto nella parte in cui si sottolinea l’imprescindibile quarantena di due settimane in caso di nuove positività.

Le indicazioni riguarderebbero però, come sottolinea la Gazzetta dello Sport, le prime due settimane di allenamento fino al 31 maggio. Dalla prima settimana di giugno, verosimilmente le disposizioni potrebbero cambiare: «Successivamente, sulla base del combinato disposto alle evidenze epidemiologiche e delle misure governative che verranno adottate, potranno essere fornite linee guida aggiornate per un possibile allentamento della quarantena volontaria in occasione dei successivi periodi di allenamento e/o ripresa delle gare».