Di Francesco ammette: «Rubo idee a Giampaolo»

Di Francesco Roma
© foto www.imagephotoagency.it

Il tecnico della Roma è intervenuto in conferenza stampa per analizzare la sfida di domani sera contro la Sampdoria

Il riscatto in campionato della Roma passa dalle mura del “Ferraris”, dove ad attenderla ci sarà una Sampdoria molto temuta da Eusebio Di Francesco. Il tecnico giallorosso, intervenuto in conferenza stampa, ha analizzato la sfida di domani sera: «Loro hanno una grande capacità di verticalizzare. Il 4-3-1-2 ti permette di andare in fretta verso la porta. Ti da meno ampiezza ma maggiore pericolosità sulle prime palle. Hanno vinto due gare anche soffrendo, sono stati bravi a reggere. Una squadra organizzata con un allenatore molto bravo. Giampaolo mi somiglia: l’idea di rimanere sempre con la squadra corta, in tante cose ci rivediamo. Io cerco sempre di rubare da altri allenatori, come lui. È stato prima in auge, poi è tornato in C per tornare nuovamente nella categoria che gli appartiene. Siamo amici».

Poi, il punto in casa romanista dopo la pausa per le nazionali: «Abbiamo dovuto smaltire la sconfitta contro l’Inter, a mio parere immeritata, e abbiamo dovuto ripulire gli errori commessi in quella gara. Sono rientrati molti giocatori, anche entusiasti per aver segnato, ma un po’ stanchi. È stato fatto un lavoro di campo ma anche di recupero, ogni tanto dà fastidio il discorso delle nazionali ma sappiamo che c’è. Florenzi potrebbe essere schierato dall’inizio, è il dubbio che ho sulla destra. Mi ha dato sensazioni nettamente positive. De Rossi non è più un ragazzino, dunque i tempi di recupero si allungano. Potrebbe giocare Gonalons anche perché lo reputo un titolare. Sta assimilando il mio calcio e quello italiano. Il problema maggiore è stata la lingua, adesso è cresciuto molto. Domani potrebbe giocare in campo dall’inizio».