Spal-Sampdoria, le pagelle: si salva solo Praet

praet sampdoria-spal
© foto Valentina Martini

Spal-Sampdoria, le pagelle: non cambia il passo in trasferta. Belec rivedibile, difesa e centrocampo non pervenuti. Si salva solo Praet

Belec 4,5 – Seconda da titolare per il portiere sloveno che, a parte il rigore, non è che venga impegnato più di tanto dall’attacco della Spal durante il primo tempo. Nella ripresa si fa beffare, sul suo palo, da Grassi a pochi passi dalla porta e subisce la terza rete, pochi minuti dopo, con Antenucci lasciato libero di arrivare al tiro e mettersi il pallone sul piede preferito. Certe uscite e parate sono da rivedere, tipo l’ultima in cui va in gol nuovamente Paloschi: la rete viene annullata per fuorigioco precedente di Antenucci.

Bereszynski 5 – Ad un primo tempo in cui non riesce a spingere più di tanto in fase offensiva e il suo rendimento è particolarmente scarso, segue una seconda frazione di gioco dove la fase difensiva è imprecisa. Sul secondo gol della Spal non riesce ad anticipare Grassi essendo l’unico uomo nei pressi dell’azione. Dopo il terzo gol prova a reagire, ma non è sicuramente una delle sue migliori partite.

Andersen 5 – La Spal fa pressing alto ma non si rende mai veramente pericolosa nel primo tempo questo facilita il lavoro per il danese che si sta confermando un buon profilo anche per il prossimo campionato. Nel secondo tempo tutto il reparto decide di spegnersi e nel blackout generale arrivano le due reti ravvicinate della Spal.

Regini 5 – Torna a fare il centrale e tutto sommato nel primo tempo non sfigura. Peccato che nei successivi quarantacinque minuti contribuisca largamente a portare il risultato sul 3-0 per la Spal.

Murru 5 – Torna in campo dopo lo stop per infortunio, la sua prestazione non è totalmente negativa anche se spesso fa delle scelte rischiose e discutibili.

Linetty 5,5 – Un primo tempo anonimo per tentativi offensivi ma di grande intensità a centrocampo con falli, realizzati e subiti. Nel secondo tempo è uno dei pochi che prova a calciare dalla distanza verso la porta, sebbene le conclusioni non siano eccezionali.

Capezzi 6 – Ultima da titolare per il centrale che deve sostituire Torreira, fuori per scelta tecnica. Giampaolo vuole avere argomenti da portare al presidente Ferrero e probabilmente il sostituto dell’uruguaiano è uno di quelli. La Spal pressa molto alto e il centrale alterna buoni interventi a decisioni non proprio perfette. Nel secondo tempo serve, di testa, un buonissimo pallone a Kownacki che segna (dal 34′ s.t. Verre s.v.).

Praet 6,5 – Due tiri, due occasioni nel primo tempo che il centrocampista belga si divora. Sembra essere il più lucido dell’undici blucerchiato, peccato che non riesca ad essere concreto. Cala nella seconda frazione di gioco pur restando il migliore in campo.

Ramirez 5 – Primo tempo a strappi, momenti dove la sua qualità di palleggio è importante e decisa, altri in cui non riesce a guadagnare metri e non sembra essere pericoloso. Quando c’è da far questioni però è sempre il primo ad arrivare dall’arbitro (dal 45′ s.t. Quagliarella 5,5 – La prima e unica occasione, centrale e facile per Gomis, arriva al quindicesimo del secondo tempo, peccato che la partita la faccia la Spal).

Caprari 5 – Non può amputarsi il braccio, attaccato al corpo durante la torsione per proteggersi dal pallone calciato dalla Spal. Di Bello non si prende la responsabilità di andare a vedere gli schermi del VAR dietro ai quali Manganiello decide per confermare il rigore parecchio dubbio e generoso. A prescindere dall’episodio ad inizio partita e alla ammonizione che gli farà saltare la prima di campionato, come seconda punta non riesce ad incidere confermando che non è il suo ruolo. L’intervento su Felipe chiude il cerchio, secondo giallo e tunnel degli spogliatoi, peccato che anche qui Di Bello veda un fallo che non è tale.

Kownacki 6 – In coppia con Caprari non rende proprio alla perfezione sebbene dia sempre il massimo, sintomo della volontà di volersi mettere in mostra anche in ottica Mondiale. Nel secondo tempo fa coppia con Quagliarella e riesce ad arrivare al gol grazie all’allungo di Capezzi.

Spal (3-5-2): Gomis 6 (dal 45 s.t. Marchegiani s.v.); Simic 6,5, Vicari 6, Felipe 6; Lazzari 6,5 (dal 12′ s.t. Costa 6), Grassi 6, Viviani 6,5 (dal 31′ s.t. Schiattarella s.v.), Kurtic 6,5, Mattiello 6; Antenucci 7,5, Paloschi 5,5.

 

Articolo precedente
spal-sampdoriaSpal-Sampdoria 3-1, sintesi e tabellino
Prossimo articolo
giampaolo sampdoriaGiampaolo ha le idee chiare: «Spero di restare alla Sampdoria»