Spalletti: «Rigore solare! Perfetti nel secondo tempo»

spalletti trigoria roma
© foto www.imagephotoagency.it

Luciano Spalletti commenta ai microfoni di SkySport la partita vinta contro la Sampdoria. Il rigore per l’allenatore della Roma era solare anche il luce della correttezza di Dzeko. La Roma è stata brutta nel primo tempo ma perfetta nel secondo anche grazie alla personalità di Totti che dovrebbe avere dei cloni di personalità.

«La Roma fa una partita dove per il 75% fa bene, poi fa 25% dove si fa montare addosso e da una squadra organizzatissima come è stata la Sampdoria. Per vincere o per passare avanti a colossi di squadre che ci sono nel nostro campionato non basta un unico Totti, ci vogliono più Totti in squadra, ma senza voler essere di parte, voglio far crescere altre personalità come Totti, se no ci si perde contro qualsiasi squadra. Un leader si costruisce anche facendo delle forzature di far giocare la squadra anche senza Francesco. Per me può giocare anche il prossimo anno, se si allena come ora, se gioca come ora continuerà a giocare, ma nelle altre circostanze non ho potuto farlo giocare per situazioni contingenti, contro il Porto ad esempio che eravamo in inferiorità numerica. A Cagliari non c’era, oggi quando ho visto la squadra che perdeva personalità gli ho detto che lo avrei fatto entrare direttamente nel secondo tempo. Lui si allena meglio di prima, lui è attaccato a questa maglia e vede che il tempo sta diminuendo e quindi cerca di dare il massimo.

Totti alla Mr.Wolf? Dipende dal tipo di partita, può anche giocare più di mezz’ora a partita. Le mie intenzioni sono queste. Lui si può gestire e si può far giocare di più perché ha dimostrato di meritare più spazio, stasera è entrato ed ha ribaltato la partita. Se siamo la Roma e siamo costretti a usare Totti per avere la personalità che ci manca si va avanti poco, bisogna però non essere costretti a questo. Bisogna trovare altri giocatori col suo carisma e il suo spessore, senza è difficile andare a far la guerra. Oggi si sono sbagliati dei passaggi che la Roma non può sbagliare, nel secondo tempo avremmo potuto tritare chiunque. Se la Roma è quella del secondo tempo è perfetta.

Il rigore? Dzeko è un giocatore che nello scorso campionato è stato chiamato “Pollo” perché in diverse circostanze non era mai caduto. Oggi ha ricevuto un colpo sul piede, la gamba gli si poggia più larga di 20 centimetri ed è caduto. Ma lui è un giocatore correttissimo. È un rigore solare, pedata netta sul piede».

 

Articolo precedente
Muriel: «Il risultato giusto era il pareggio. L’interruzione ci ha danneggiato»
Prossimo articolo
dzeko romaDzeko: «Partita difficile, avrei potuto fare più gol»