Connettiti con noi

Avversari

Spezia, Italiano: «Grande prestazione. Vittorie fanno lavorare con il sorriso»

Pubblicato

su

Vincenzo Italiano, allenatore dello Spezia, ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine del match contro la Sampdoria: le sue dichiarazioni

Vincenzo Italiano, tecnico dello Spezia, ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine del match di Serie A contro la Sampdoria.

LEGGI ANCHE – Spezia-Sampdoria: gli highlights del match

GIOVANI – «L’età media dello Spezia è bassissima, ha ragazzi giovani che vanno accompagnati nel percorso. Una volta erano in due i giovani nello spogliatoio con tanti anziani, adesso è il contrario. Vanno trattati bastone e carota giornalmente, è questa la gestione».

NAPOLI – «Post Napoli? Ho visto Gattuso nerissimo e mi sono solo limitato a salutarlo. Ma confermo che non è stata una delle migliori prestazioni, in dieci tenere botta contro il Napoli è un nostro merito».

PRESTAZIONE – «Oggi nella prima mezz’ora abbiamo fatto una grande prestazione, figlia della vittoria di Napoli. Le vittorie ti fanno lavorare con il sorriso, con convinzione. Questa partita sapevamo che era difficile e importante, dare continuità ai risultati non è semplice e ora ci godiamo questa situazione. Abbiamo passato un periodo negativo, ma ora è venuto fuori quello che questi ragazzi hanno saputo dire. Speriamo di continuare dalla prossima su questa strada».

NZOLA – «Aveva avuto una bella possibilità a Carpi. Noi ci siamo incontrati a trapani dove è maturato tantissimo, ha iniziato a lavorare da esterno e in prima punta. L’anno scorso ce lo siamo portati allo Spezia e quest’anno devo dire che sta trovando continuità sui gol. Ora è bravo pure sui rigori. È maturato, cresciuto. Succede agli attaccanti e mi auguro che abbia trovato la maturità».

ESUBERI – «C’è stato un momento tra Covid e infortuni che siamo riusciti a gestire la situazione. Quando siamo tutti però inizia a perdersi intensità agli allenamenti. Ora bisogna sfoltire la rosa, di rendere funzionale la rosa. Il mercato è aperto e qualcosa dobbiamo fare. Abbiamo inserito Saponara che aspettiamo e non è in condizione, non vogliamo farlo infortunare e quando avremo lui ci sarà un’altra freccia nell’arco».

Advertisement
Advertisement

News

Advertisement