Taglio stipendi, Bonazzoli: «C’è chi ha un mutuo e famiglia»

emiliano bonazzoli sampdoria
© foto Twitter

Esclusiva SampNews24 – L’ex attaccante Bonazzoli commenta l’eventuale taglio agli stipendi dei calciatori durante l’emergenza Coronavirus

LEGGI QUI L’INTERVISTA INTEGRALE

Intervenuto ai microfoni di Sampnews24.com, Emiliano Bonazzoli ha commentato l’eventuale taglio agli stipendi dei calciatori nel mondo del calcio, al fine di fronteggiare l’emergenza Coronavirus: «La questione è un ginepraio. Non si può ragionare pensando solamente alla Serie A, ogni lega purtroppo ha esigenze diverse. Penso a giocatori che fanno affidamento su 2000 euro al mese per pagarsi il mutuo o mantenere la famiglia. Se a quelli decurti la metà o ancora peggio non paghi lo stipendio, fanno fatica».

«I calciatori di Serie A devono pensare che le società faranno fatica e avranno enormi perdite: i diritti tv e i mancati incassi. Bisogna venirsi incontro in qualche modo. I soldi che girano in Serie A non girano in Serie B, quindi per ogni lega ci vorrebbero decisioni diverse. Ci saranno società in Lega Pro che non riusciranno a iscriversi al campionato perché fanno affidamento su quei 20-30mila euro che ci mettono i presidenti che hanno delle imprese. E oggi le imprese non guadagnano. Sarà un vero disastro e un bel problema. Ci vuole buon senso da tutte le parti. È logico che ai calciatori non è imputabile lo stop e che, di conseguenza, vorrebbero veder riconosciuti i propri stipendi, ma è una catena. Ci vuole il dialogo e si troverà una soluzione di compromesso».