Thorsby sicuro: «Soldi? Meglio la Samp». E la chiamata a de Roon…

thorsby heerenveen
© foto Twitter

Thorsby non ha fretta: «Samp la scelta giusta. Avrei potuto guadagnare di più altrove, ma voglio giocare». E c’è lo zampino di de Roon: «Mi sono confrontato con lui»

Salutato l’Heerenveen, Morten Thorsby è pronto per la nuova avventura con la maglia della Sampdoria. Il centrocampista norvegese, che già a gennaio aveva firmato un contratto con il club blucerchiato, sembra ogni giorno sempre più convinto della scelta fatta: «Quando è diventato chiaro che al termine di questa stagione sarei stato libero, l’interesse si è diffuso rapidamente. Sin dall’inizio sono stato molto selettivo nella scelta di un nuovo club. C’erano offerte da squadre in cui avrei potuto guadagnare di più – ha raccontato ai microfoni di vi.nl – ma la Sampdoria ha soddisfatto molte delle condizioni che avevo stabilito. Sono andato a vedere paesi e club con cui le mie caratteristiche si sarebbero sposate meglio, ma penso che il calcio in Serie A e la mentalità italiana siano adatti a me».

Il classe ’96 ha preferito non bruciare le tappe e, senza fretta, approdare in un club che gli consentisse di maturare e acquistare visibilità: «Mi sono attenuto molto alla realtà. Volevo fare un passo avanti, ma fino a che punto puoi chiedere di più senza ridurre troppo le tue chance di giocare? Volevo anche trovare un buon equilibrio sotto questo punto di vista, e penso che la Sampdoria sia la squadra giusta. Si tratta di un grande salto, ma con una realistica possibilità di successo. Se fossi andato in un club più grande della Sampdoria, sarebbe stato stupido. Non sono ancora pronto per un salto del genere, ne andrebbe della mia crescita. Certo, un trasferimento è sempre un rischio e non sai mai con certezza se andrà tutto per il verso giusto, ma il minimo che puoi fare è prepararti bene e riflettere attentamente sulla tua scelta».

L’opinione dell’olandese Marten de Roon, centrocampista attualmente in forza all’Atalanta, ha avuto un discreto peso nella scelta di Thorsby: «Questo è proprio uno dei motivi per cui ho scelto la Serie A e la Sampdoria. Ho giocato per una stagione con Marten all’Heerenveen. Siamo due giocatori diversi, ma abbiamo alcune caratteristiche in comune. L’ho contattato e mi sono confrontato con lui sulla mia scelta di andare alla Samp, per parlare anche del modo in cui si gioca a calcio, in cui si pensa e di quello che serve per avere successo in Italia. Ciò che Marten ha fatto con l’Atalanta è stato molto intelligente. Adesso è diventato internazionale e giocherà in Champions League. Questo stimola e motiva, perché questi sono anche i miei sogni».

Conclusa la stagione all’Heerenveen, Thorsby farà ritorno in patria, ad Oslo, per trascorrere qualche settimana di vacanza tra famiglia e amici. Lodevole la scelta del norvegese di non utilizzare l’aereo per muoversi, ma esclusivamente il treno, anche quando a fine mese dovrà percorrere circa duemila chilometri per raggiungere Genova: «Magari sulla strada farò qualche tappa per vedere alcune città. Il cambiamento climatico è un problema grosso per il nostro pianeta e abbiamo poco tempo per risolverlo. È questione di prendersi le proprie responsabilità: chiunque tu sia, qualunque cosa tu faccia. In questo modo do il mio contributo», ha concluso.