Tim Cup: un’ottima Samp batte il Cagliari e passa il turno

schick sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Il match di Tim Cup, tra le mura dello stadio Luigi Ferraris, si chiude sul risultato di 3-0, grazie alle reti di Alvarez e  doppietta di Schick

Una squadra inedita, rispetto a quello che siamo abituati a vedere. Giampaolo ripropone Palombo al centro della difesa, scelta con un gusto che sa di passato, sulle fasce due giocatori che hanno trovato poco spazio ma che per oggi erano annunciati: Eramo sulla destra e Dodô a sinistra. Davanti Budimir e Schick. Anche Rastelli lascia fuori i suoi titolari per schierare una formazione di giovani provenienti anche dalla Primavera.

PRIMO TEMPO A TINTE BLUCERCHIATE, GOL A FREDDO DI ALVAREZ – È la Sampdoria che giostra la palla nei primi minuti di gioco, dimostrando anche una certa aggressività. Ci prova subito Alvarez al quarto minuto di gioco, il trequartista sembra essere veramente in gioranta ma in questa occasione Rafael para il tiro alla sua sinistra.
Sempre blucerchiati di nuovo al tiro con Alvarez e poi con Schick, il gol è nell’aria: è proprio Ricky a mettere il pallone in rete dopo il velo di  Budimir al 13’ minuto di gioco. Rafael messo a sedere e palla nel sacco. Piccolo accenno del Cagliari subito represso dalla manovra blucerchiata, intorno al ventesimo minuto di gioco di nuovo una grande occasione per la Sampdoria sul recupero di Linetty che apre per Schick, l’attaccante serve Budimir che non trova lo specchio della porta rossoblù. Giampaolo scatenato in panchina continua a richiamare e correggere i blucerchiati, soprattutto Dodô.
Il Cagliari ci prova con Giannetti e Di Gennaro ma le conclusioni sono deboli e Puggioni para senza particolari problemi. Unica situazione di pericolo arriva dopo il fallo che costerà a Regini l’ammonizione, calcio piazzato che si infrange sulla barriera e azione che si spegne senza particolari problemi. La Sampdoria si porta di nuovo avanti con Djuricic che serve Budimir, lo slavo è sfortunato e prende in pieno la traversa, in ogni caso l’arbitro aveva fischiato il fuori gioco. Unico giocatore del Cagliari che sembra voler arrivare al gol è Giannetti che, anche sul corner ottenuto a cinque minuti dalla fine del primo tempo, colpisce il pallone che termina alto sulla traversa. Il primo tempo si chiude con il tentativo di contropiede della Sampdoria, Budimir e Mastino lottano in area ma non c’è tempo per chiudere l’azione offensiva perchè arriva il triplice fischio dell’arbitro. Squadre negli spogliatoi.

SECONDO TEMPO IN ASSOLO PER I BLUCERCHIATI – Secondo tempo che si apre in continuità con quello che si era visto nella prima frazione di gioco. Subito Sampdoria in avanti con Budimir che cerca in continuazione il dialogo coi compagni per trovare la via del gol. La prima occasione arriva al quinto minuto di gioco della ripresa: Budimir di testa colpisce il pallone servito da Alvarez, ma Rafael si supera e para. Il Cagliari prova a ripartire solo in contropiede nei momenti in cui la Sampdoria perde la sfera, ma la Sampdoria cerca di non farsi trovare impreparata e chiude gli spazi in maniera intelligente.  Primo cambio per i blucerchiati: dentro Bruno Fernandes fuori l’autore della prima rete Alvarez. Cambio inverso rispetto al match giocato contro il Crotone.
Il Cagliari cerca di non farsi schiacciare troppo nella propria aria di rigore, cercando di portare il pallone nella metà campo blucerchiata. Ennesima occasione per la Sampdoria su corner al quindicesimo minuto di gioco del secondo tempo, azione bloccata dall’arbitro per un fallo in attacco dei blucerchiati. È la Sampdoria a fare la partita: ennesima occasione per Budimir di testa che non riesce a beffare Rafael che respinge il pallone, sul quale si avventa Bruno Fernandes senza successo. Non arriva il 2-0 al ventesimo in una occasione convulsa che termina in un mischione davanti alla porta difesa da Rafael: Schick e Budimir non trovano nuovamente la porta, dopo un batti e ribatti. Munari provvidenziale per il salvataggio finale.
Tentativo del Cagliari che si fa pericolosissimo  con Melchiorri che fa la barba al palo al ventiduesimo minuto di gioco. Sul capovolgimento di fronte arriva, finalmente, la rete del raddoppio blucerchiato, pallone lungo di Bruno Fernandes per Schick, la cui posizione è giudicata regolare, che a tu per tu con Rafael non sbaglia. Secondo cambio per la Sampdoria: fuori un buon Djuricic e dentro Dennis Praet. Alla mezz’ora arriva il cambio per Vasco Regini, al suo posto entra Krajnc. La Sampdoria non sazia continua il suo tentativo di arrivare a segnare anche la terza rete, dall’altra parte il Cagliari cerca dei varchi per provare ad impensierire Puggioni. A un minuto dalla fine del novantesimo Bruno Fernandes mette il pallone in mezzo per Budimir che viene travolto da un difensore del Cagliari, il pallone arriva a Schick che da distanza ravvicinata non sbaglia e segna il suo secondo gol. Nei tre minuti finali è Budimir a provarci in tutti i modi, ma il Cagliari cerca di mantenere, riuscendoci, invariato il risultato finale. Un’ottima Sampdoria passa il turno e mette nel mirino la Roma, prossimo avversario nel cammino di Tim Cup.