Tiri in porta, Sampdoria puoi migliorare: la statistica del CIES

© foto Valentina Martini

La Sampdoria è una delle migliori squadre per possesso palla, ma può migliorare nella finalizzazione: sono pochi i tiri in porta

Un fattore chiave per qualsiasi squadra è il riuscire ad arrivare alla conclusione in porta. Più volte si riesce a rendersi pericolosi, più probabilità ci sono di poter realizzare un gol decisivo per la vittoria o per il pareggio. Dalle statistiche del CIES, osservatorio svizzero che paragona tutti i maggiori campionati europei, si evince che la Sampdoria in questo campo può e deve migliorare. La compagine blucerchiata non riesce a collocarsi nella top100 delle squadre con il rapporto migliore tra tiri in porta e bersaglio centrato durante l’attuale stagione. Sono pochi i club italiani che figurano in questa classifica anche se la migliore squadra risulta appartenere alla Serie A. Sono solo sette le squadre italiane a piazzarsi tra il primo posto e il centesimo. La regina incontrastata è il Napoli di Sarri con una media di 8.9 tiri a bersaglio in questa stagione, segue la Juventus al sedicesimo posto con 6.8 e la terza in classifica è la Lazio al ventunesimo posto con 6.6 tiri in media.

Le altre squadre della Serie A presenti sono Milan, Inter, Atalanta e Fiorentina. Si potrebbe pensare che la classifica sia condizionata dalla partecipazione di alcune squadre alle coppe europee, in questo senso si può affermare che non è il caso: ci sono due realtà di Serie B che si inseriscono nella top100, il Bari al ventisettesimo posto e l’Avellino al sessantacinquesimo. Il Napoli che conduce questa classifica in otto partite ha realizzato 26 reti contro le undici dei blucerchiati (con una partita in meno). Questi risultati possono essere notevolmente migliorati dai giocatori della Sampdoria chiamati a cercare più soluzione per arrivare al gol: a parte le azioni magistralmente coordinate da tutto l’organico, la squadra di Giampaolo dovrà cercare di sfruttare maggiormente le occasioni da calcio piazzato e arrivare al tiro dalla distanza. Questa seconda ipotesi è poco considerata dai blucerchiati che avrebbero giocatori in grado di segnare tirando da fuori area: Quagliarella in primis, ma anche i centrocampisti come Ramirez, Barreto e Praet. Nella partita contro l’Atalanta, ad esempio, è tornato il gol su schema aereo che mancava da parecchio: ora che c’è una torre come Zapata è da tenere in considerazione anche questa soluzione d’attacco che potrebbe diventare decisiva, come già è stata nell’ultimo match.

Articolo precedente
tifosi sampdoria gradinata sudUn nuovo libro-quiz a tinte blucerchiate: scopri quanto sei Sampdoriano
Prossimo articolo
pavlovic crotonePavlovic emozionato: «Sabato una gara speciale»