Torino, Longo vede la Sampdoria: «Sarà un’emozione»

longo torino
© foto www.imagephotoagency.it

Longo pronto all’esordio in Torino-Sampdoria: «Sarà emozionante. Negli occhi dei miei ho visto la voglia di invertire il trend»

TORINO-SAMPDORIA IN STREAMING: DOVE VEDERLA IN TV
TORINO-SAMPDORIA: LE PROBABILI FORMAZIONI

Esonato Walter Mazzarri, il Torino riparte da Moreno Longo per risollevare le sorti della propria stagione. Toccherà al tecnico ex Frosinone affrontare domani pomeriggio la Sampdoria: «È una squadra che con Ranieri ha trovato identità – esordisce in conferenza stampa – dispone di calciatori di qualità, che dà pochi spazi e tiene bene il campo. Dovremo essere bravi a leggere la partita: dovremo fare la gara ma anche coprirci bene, la Samp va rispettata ma noi dobbiamo dare la nostra impronta al match. Mi aspetto un Toro che cerchi di fare la partita per il più possibile».

«Spinta dal pubblico al mio esordio? Sono stati giorni particolari per me e per tutta la piazza, oltre che per i giocatori: si è percepito entusiasmo, ma non dobbiamo perdere la lucidità di capire che domani scendiamo in campo e dobbiamo pensare alle cose concrete per offrire una prestazione all’altezza. Grazie ai prezzi popolari, ci saranno più di 18mila persone: mi aspetto una stadio caldo, so quanto ci possono dare i tifosi. Noi dovremo ricambiare l’entusiasmo».

Le prime risposte dai giocatori sembrano buone: «Quattro giorni sono pochi, ma ho sensazioni positive: su questa squadra si può lavorare molto bene. Tutti mi hanno dato massima disponibilità, ho visto negli occhi dei ragazzi la voglia di invertire il trend negativo. Ma le parole stanno a zero, i sorrisi fanno bene ma per mantenerli ci vanno le prestazioni. Come mi immagino la partita domani? Sarà un’emozione entrare in campo, ci sarà un colpo d’occhio al quale non si era più abituati. Sarà il momento in cui ci renderemo conto che adesso sta a noi, dovremo prenderci le nostre responsabilità».

Un’ultima battuta sulle condizioni degli infortunati per domani: «Ansaldi è rientrato in gruppo, ha svolto due allenamenti ma è fermo da un mese: ha una condizione precaria, non ha un minutaggio adeguato e vedremo come gestirlo. Rincon ha risolto il suo problema. Abbiamo fuori Zaza e Baselli, ma stanno progredendo e le sensazioni sono buone: in settimana miglioreranno ulteriormente», ha concluso Longo.