Torino, più Skorupski che Viviano per il dopo-Hart

viviano sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Il portiere di proprietà della Roma, attualmente in prestito a Empoli, è il candidato principale per sostituire Joe Hart il prossimo anno. Viviano resta l’alternativa

Quando, in estate, il Torino ha portato sotto la mole Joe Hart, portiere della nazionale inglese e titolare fisso, fino all’arrivo di Pep Guardiola, al Manchester City, in molti si sono complimentati per l’affare concluso dal presidente Cairo e dal Ds granata Petrachi. Sembrava infatti un’operazione complicata, anche utopica in un certo senso. Naturalmente, la formula è stata quella del prestito secco, con il lauto ingaggio dell’estremo difensore anglosassone pagato in gran parte dai Citizens. Molto probabilmente, però, sarà difficile per il Torino trattenere in Piemonte Hart anche il prossimo anno. Risuonano infatti con una certa insistenza le sirene d’oltremanica per il classe ’87, con Liverpool, Tottenham e Chelsea – in procinto di perdere Courtois, diretto a Madrid – pronte ad offrire al ragazzo un ricco contratto e un posto da titolare.
TORINO, VIRATA SU SKORUPSKI – Ecco perché la società granata si starebbe tutelando guardandosi attorno sul mercato dei portieri. Inizialmente, su consiglio di Sinisa Mihajlovic, il candidato numero uno per succedere ad Hart era stato individuato in Emiliano Viviano, già allenato dal tecnico serbo a Genova. Forte di un rinnovo appena firmato con relativo adeguamento dell’ingaggio e della volontà del giocatore di non spostarsi da Genova, la Sampdoria ha però già fatto intendere che non intende privarsi del proprio numero 2. Ecco allora che il Torino avrebbe virato con decisione su Skorupski, di proprietà della Roma ma reduce da un’ottima stagione – più la metà di quella attuale – in prestito ad Empoli. Il costo del cartellino si aggirerebbe sui 6 milioni, non pochi, ma la società granata sembra convinta del talento del polacco. Per ora, dunque, Viviano scende nella gerarchia delle preferenze del Toro, Skorupski potrebbe essere l’erede designato di Joe Hart.