Torreira si incatena alla Samp: «Resto, voglio l’Europa League»

torreira sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Lucas Torreira dall’Uruguay: «Sogno i Mondiali e l’Europa League. Mercato? Resto alla Sampdoria fino a giugno, poi vedremo»

Dopo una prima metà di stagione da protagonista, Lucas Torreira si sta meritatamente riposando nella sua Fray Bentos, cittadina dell’Uruguay che ha dato i natali al centrocampista della Sampdoria. Al centro dell’attenzione mediatica, il gioiello blucerchiato è stato preso d’assalto dalle telecamere al ritorno in patria e interpellato su una possibile convocazione da parte della Celeste: «Ho molte aspettative – esordisce ai microfoni di inforio.com – a marzo sarà l’ultima opportunità di andare ai Mondiali e il mio obiettivo è quello. Sono stato contatto dallo staff tecnico della Nazionale e mi stanno seguendo. Sono tranquillo, dando il massimo con la Sampdoria penso di avere buone possibilità di essere convocato». A Genova c’è un altro fraibentino, che si sta rivelando molto utile per la sua crescita: «E’ incredibile come due calciatori dello stesso paesino giochino in Europa nella stessa squadra. Mi fa piacere avere Gaston (Ramirez, ndr) a fianco, sta facendo molto bene e mi dà tanti consigli anche per la Nazionale. Cerco sempre di ascoltarlo e imparare da lui».

Il clima di vacanza e il tempo passato con i familiari in questi giorni serviranno per ricaricare le batterie in vista di un girone di ritorno intenso, ma il lavoro lo segue anche in Uruguay: «Mister Giampaolo ci ha dato comunque dei “compiti” da fare durante queste vacanze». Poi rassicura sulle sue condizioni di salute: «Per fortuna non ho riportato infortuni, ma solo un po’ di affaticamento muscolare». Torreira non ha dubbi sul fatto che questo semestre sia stato il migliore da quando è in Italia: «Direi di sì, ho anche segnato 3 gol, di cui uno molto importante contro la Juventus. Il più bello? Quello su punizione contro il Chievo». Nonostante la giovane età, Torreira si è già imposto ad alti livelli nel campionato italiano e ha chiuso il girone di andata come miglior recupera-palloni (113) della Serie A: «Il merito è di tutta la squadra, aiuta molto tenere le linee compatte. Mi piacere avere la palla tra i piedi, e quando non riesco ad averla cerco di muovermi per aprire spazi». La battuta d’arresto che sta facendo perdere alla Sampdoria il vantaggio accumulato sulle concorrenti non sembra spaventare il numero 34, che punta in alto: «L’obiettivo è arrivare in Europa League – ammette – per ora siamo in ballo e la verità è che la squadra ha disputato finora una buona stagione». Tante le squadre che si sono fatte avanti per il suo cartellino, ultima in ordine cronologico la Juventus, ma Torreira non dà loro speranze: «Fino a giugno resto alla Sampdoria, poi vedremo cosa succederà».

Articolo precedente
Viviani SpalSemplici gela la Sampdoria: «Viviani è incedibile»
Prossimo articolo
Torreira SampdoriaSampdoria, attenta: la Roma prepara l’assalto a Torreira