Totti: «Per sopportare Cassano serviva il Lexotan. Serie A? Oggi è scarsa»

Iscriviti
Totti Cassano
© foto www.imagephotoagency.it

Francesco Totti, ex capitano della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni sull’ex Sampdoria Antonio Cassano e sull’attuale Serie A

Francesco Totti, ex capitano della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni sull’ex fantasista della Sampdoria Antonio Cassano e sull’attuale Serie A. Le parole rilasciate nel corso della live sul canale Twitch di Christian Vieri.

CASSANO – «Da quando è arrivato a Roma non abbiamo più vinto nulla (ride, ndr). Se mi avesse ascoltato un minimo sarebbe rimasto a Roma altri 20 anni. Si è fatto abbindolare da altre persone e non ci ha capito più un cazzo. Con Antonio ho vissuto i momenti più belli della mia carriera, con lui giocavo ad occhi chiusi. All’inizio dormiva anche a casa mia. Dovevo prendere il Lexotan la sera. Non eravamo neanche fratelli, ma amici».

LITIGI – «Con Antonio quando ci discutevi smetteva di parlarti. Neanche ti salutava. Zero. Come quando andò via da Roma. Ci fu una discussione con la società e decise che era colpa mia e Montella. Non ci ha più parlato. Cassano è il Marzullo del calcio: si fa le domande e si da pure le risposte. Ogni volta che apriva bocca non sapevi cosa sarebbe potuto succedere. Portava gioia, ma al tempo stesso uno ne bastava».

SERIE A – «Impossibile paragonarla a quella di oggi. Anche quelle più basse in classifica avevano giocatori di livello. E non solo uno. Anche se andavi a Brescia e Bologna c’erano fior fiori di giocatori. Adesso il livello si è abbassato e non serve più la qualità, ma bisogna costruire il calciatore».