Trequarti da derby: una poltrona per tre

saponara, caprari, Ramirez
© foto www.imagephotoagency.it

Giampaolo penserà alla formazione per il derby a partire da martedì, ma sul trequartista può già lavorare

Marco Giampaolo ha dato il rompete le righe. La Sampdoria, al netto dei nazionali, si ritroverà a Bogliasco a partire da martedì e inizierà a preparare il Derby della Lanterna. Difficile pensare a quali saranno le scelte del tecnico doriano per la stracittadina, sebbene in qualche reparto potrebbero essere vincolate. A centrocampo, ad esempio, la squalifica di Karol Linetty inevitabilmente aprirà la strada per la titolarità di Jakub Jankto. Le incerte condizioni di Dennis Praet lasciano spazio all’idea di vedere una mediana completamente stravolta con Albin Ekdal a destra, Ronaldo Vieira centrale e il già citato Jankto a sinistra. Una probabilità su mille che possa accadere, dato che il centrocampista belga è una delle pedine inamovibili di Giampaolo.

Il ruolo dove il tecnico doriano ha abbondanza di interpreti è sicuramente la trequarti: Riccardo Saponara, Gaston Ramirez e all’occorrenza Gianluca Caprari sono tutti e tre in lizza per un posto da titolare. L’ex Fiorentina è in pole position: ha riposato nella partita che la Sampdoria ha giocato contro la Roma ed è pronto ad incidere. Secondo nelle gerarchie è Ramirez: il nervosismo che ha dimostrato nelle ultime gare dove ha giocato potrebbe essere deleterio in una atmosfera calda come quella della stracittadina, ma è anche noto che l’uruguaiano ha già esperienza e ha segnato un gol determinante per la vittoria. Ultima scelta resta Caprari, un po’ per esigenze offensive – potrebbe servire un cambio a partita in corso per modificare l’inerzia della gara -, un po’ perché sebbene convinca più da trequartista che nel ruolo di seconda punta, non è ancora riuscito a spaccare la partita con le sue giocate.

Articolo precedente
Derby rampa di lancio: ecco cosa aspetta la Samp
Prossimo articolo
ferrero mihajlovicMihajlovic difende Giampaolo: «Ferrero deve avere fiducia». E sul derby…