Un nuovo cervello per la Sampdoria: alla scoperta di Kamer Qaka

© foto www.imagephotoagency.it

Ecco chi è Kamer Qaka, il mediano su cui ha messo gli occhi la Sampdoria: piedi delicati e qualche velleità estetica da eliminare

Pochi giorni fa è rimbalzata la notizia secondo la quale la Sampdoria avrebbe sondato il terreno per Kamer Qaka, giovane centrocampista rumeno naturalizzato albanese della Politehnica Iasi, squadra partecipante al campionato di Serie A della Romania. Il centrocampista ha aperto alla possibilità di abbandonare l’est europeo per cercare maggior fortuna ad occidente: Liga portoghese, Liga spagnola e Serie A le destinazioni che sarebbero a lui più gradite. La Sampdoria, in questo caso, potrebbe cercare di portare in blucerchiato il giovane mediano per sopperire ad una partenza di Torreira, dato che il centrocampista uruguagio a giugno difficilmente resterà a Genova.

Vediamo dunque di che tipo di giocatore si tratta: Qaka è un classico mediano dai piedi buoni, e proprio per questo potrebbe essere il sostituto naturale di Torreira. Classe ’95, baricentro basso – alto 1,70 m – e gambe potenti, Qaka non solo è abile nell’impostare il gioco, ma si prende spesso anche la licenza di saltare l’uomo grazie alla sua rapidità di passo e alla tecnica non comune. Una velleità, questa, che se dovesse arrivare in Italia farà però bene ad abbandonare presto. In generale si tratta comunque di un giocatore qualitativamente valido, che va messo però alla prova in un campionato più probante di quello rumeno o di quello norvegese, dove ha giocato in passato. Il costo del cartellino dovrebbe aggirarsi intorno al milione di euro: una cifra accessibile per la Sampdoria, che proseguirebbe dunque così nella sua ricerca di talenti a basso costo da valorizzare.