Verso Atalanta-Samp, le quotazioni sulla trequarti: una poltrona per tre

ramirez caprari sampdoria
© foto Valentina Martini

Il borsino del trequartista in vista della sfida di Atalanta-Sampdoria: Caprari in vantaggio, ma le quotazioni di Alvarez restano buone

Partita molto importante, quella di domani pomeriggio per la Sampdoria: i blucerchiati sono chiamati ad una prova di maturità, ancora una volta in trasferta, contro l’Atalanta, inseguitrice per il sesto e settimo posto e ferita per l’eliminazione dalla Coppa Italia per mano della Juventus. Uno dei dubbi che ancora tormenta il tecnico blucerchiato Giampaolo è certamente quello relativo a chi giocherà sulla trequarti. Gli indiziati, come sempre, sono i soliti tre, ma questa volta le possibilità di giocare, per ognuno di essi, sono molto simili. Vediamo dunque il borsino del trequartista, cercando di capire quale potrebbe essere la mossa dell’allenatore doriano.

Ramirez si è allenato in gruppo solo ieri pomeriggio: il problema alla caviglia che lo ha costretto ad uscire anzitempo nella partita contro l’Udinese è stato parzialmente smaltito in tempo record, ma non è affatto detto che il trequartista uruguagio possa essere rischiato fin dal primo minuto dall’allenatore svizzero. Più probabile una convocazione con relativa panchina. Veniamo poi ad Alvarez: entrato in campo nel match contro i friulani proprio al posto del numero 90, l’argentino si è ben disimpegnato e ha riscosso gli applausi del pubblico, che ha cercato di incoraggiarlo. La fiducia di Giampaolo nei suoi confronti non è mutata, e il fatto di giocare lontano dal “Ferraris”, dove spesso si sono sentiti mugugni indirizzato nei confronti dell’ex Inter, potrebbe essere un’ulteriore carta a favore del numero 11.

Infine, Caprari: l’attaccante classe ’93 ha dimostrato di poter esprimere al meglio le proprie qualità non tanto da seconda punta, ma proprio nel ruolo di “sottopunta”, come piace dire al tecnico doriano. L’ex Pescara avrebbe la possibilità di giocare di nuovo sulla trequarti, come fece all’andata proprio contro i bergamaschi, cambiando il ritmo e il corso del match. Il maggior indiziato per giocare alle spalle di Quagliarella e Zapata, che presumibilmente saranno la coppia d’attacco, resta proprio lui. La sua rapidità e il suo dribbling, unite alla facoltà di potersi muovere più lontano dalla porta, dovrebbero indurre Giampaolo a scegliere proprio il numero 9 in qualità di “apriscatole” della difesa nerazzurra.

Articolo precedente
Ferrari rilancia le ambizioni europee: «Sognare non costa»
Prossimo articolo
Atalanta-Sampdoria, a Bergamo si spala la neve: la situazione