Caprari, dall’Atalanta all’Atalanta: la chance di tornare decisivo

caprari sampdoria
© foto Valentina Martini

Un girone fa Caprari risolveva la spinosa partita contro l’Atalanta: mezzo campionato dopo, la Sampdoria si affida ancora a lui per strappare punti da Bergamo

Esattamente un girone fa, entrato a inizio secondo tempo nella gara casalinga contro l’Atalanta che la Sampdoria stava perdendo 0-1, Gianluca Caprari era riuscito a cambiare completamente il match con le sue accelerazioni e i suoi dribbling: tutta la squadra doriana, naturalmente, era uscita più decisa e cattiva dagli spogliatoi, ma l’ingresso del numero 9 per uno spento Ramirez aveva ravvivato l’attacco di Giampaolo, con i blucerchiati che avevano colpito per ben 3 volte l’inerme e frastornata difesa ospite. L’entrata in campo dell’ex attaccante del Pescara aveva insomma segnato l’inizio della rimonta, e l’ottima forma del centravanti era proseguita anche nelle partite successive, nella quali la Sampdoria volava letteralmente.

Oggi, un girone dopo, non è cambiato molto: la Sampdoria resta salda al sesto posto, nonostante la risalita del Milan. E Caprari, come allora, alterna titolarità e panchina, grandi giocate a momenti di pausa forse troppo lunghi. L’occasione per un pronto riscatto dopo una partita fra luci ed ombre come quella di domenica contro l’Udinese, però, si presenterà proprio domenica, e di nuovo contro l’Atalanta: Ramirez non recupererà per la trasferta in Lombardia e, a meno della clamorosa titolarità di Alvarez, Caprari sarà il trequartista dietro le punte. Come un girone fa, l’Atalanta potrebbe rappresentare una buona opportunità per sfruttare la mancanza – o come allora, la poca lucidità – del “compagno-rivale” Ramirez per mettersi in mostra, riscattarsi da un periodo poco positivo, quantomeno dal punto di vista realizzativo, certo un aspetto non secondario per un attaccante. La grande chance di Caprari passa ancora dal nerazzurro: la Sampdoria si aggrappa anche a lui e alle sue giocate per cercare di strappare punti da Bergamo e continuare ad inseguire il sogno europeo.

Articolo precedente
skriniar interSkriniar teme la Samp: «Per La Champions ci sono anche loro»
Prossimo articolo
murru sampdoriaMurru non si scompone: «Sette milioni per me? Non mi pesano»