Verso Samp-Roma: dubbi e certezze di Ranieri

bereszynski sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Verso Samp-Roma: i dubbi e le certezze di Ranieri sulla formazione di domenica

SAMPDORIA-ROMA: L’ARBITRO DELLA SFIDA

Claudio Ranieri si prepara ad affrontare la sua prima gara da allenatore della Sampdoria, in programma domenica alle ore 15 contro la Roma, la sua squadra del cuore. A seconda del modulo che deciderà di adottare – a Bogliasco si stanno provando il 4-3-1-2 “giampaoliano” e il 4-4-2 – il tecnico alterna dubbi a certezze sulla formazione da schierare al “Ferraris”.

I punti cardine, indipendentemente dal sistema gioco, sono ben chiari. Audero in porta, davanti a lui Murillo, con Bereszynski e Murru sulle corsie laterali: Colley e Ferrari si contendono una maglia da titolare al centro della difesa, con il primo che parte svantaggiato, visto il rientro dall’Africa avvenuto solo ieri per via degli impegni con la nazionale gambiana.

In caso di centrocampo a quattro, i dubbi sono pochi: Jankto e Depaoli sugli esterni, Ekdal al centro, in coppia con un altro uomo ancora da individuare. Nel caso in cui, invece, Ranieri optasse per il rombo, ad avere il posto garantito sarebbe solamente il regista svedese: al suo fianco, due interni da scegliere tra lo stesso Jankto, Vieira, Leris o Barreto (che potrebbe essere rispolverato). Molto difficile un impiego di Bertolacci dal primo minuto, data l’assenza dai campi da più di un anno.

Continuando sul 4-3-1-2, il ruolo di trequartista toccherebbe a uno tra Ramirez,
Caprari e Rigoni, ancora da definire. In attacco, invece, la certezza è Quagliarella, che lo stesso Ranieri ha punzecchiato in conferenza stampa: il nuovo tecnico doriano dovrà affiancargli un compagno di reparto che ad oggi rimane ancora incerto. Il ballotaggio è tra Gabbiadini, Rigoni e Caprari, ma occhio a Bonazzoli, che con la grinta e l’entusiasmo dimostrati con Di Francesco potrebbe anche riuscire a strappare una maglia da titolare.