Vialli criptico: «Dovrò scegliere fra più opzioni». E intanto studia online

vialli
© foto Youtube

Vialli sul futuro: «Non posso dire nulla, ma dovrò scegliere fra più opzioni. Intanto faccio un corso online»

Da ieri sera girano sul web foto che ritraggono il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero imbarcarsi dall’aeroporto milanese di Linate, ma, a differenza di quanto si potesse pensare, Er Viperetta non è atterrato né a casa sua a Roma, né a Londra, dove oggi è sarebbe in programma un incontro tra la dirigenza blucerchiata e i possibili acquirenti: la destinazione era Salerno, città in cui nel pomeriggio è in programma uno stage con la scuola calcio Millenium. Una notizia che, tuttavia, non soffoca i rumors su una cessione della società – anche se puntualmente smentiti dal patron doriano – poiché a presenziare al meeting londinese dovrebbero essere i due vicepresidenti Paolo Fiorentino e Antonio Romei.

Le voci parlano di una cordata di imprenditori italiani e stranieri – non solo americani, come si pensava fino a poche ore fa – che avrebbe come garante e figura di riferimento Gianluca Vialli, l’ex bomber blucerchiato e leggenda del club genovese, per cui non si esclude un ruolo da presidente una volta completato il passaggio di proprietà. Proprio Vialli, circa venti giorni fa, rilasciava al canale Youtube del noto imprenditore digitale Marco Montemagno, una lunga intervista. Tra i vari temi toccati, anche quello dei progetti futuri: «Se continuerò a fare l’opinionista? No, ho smesso il primo di agosto, quando mi è scaduto il contratto con Sky dopo 15 anni. Ho altre cose che mi portano via un po’ di tempo ed energie, che sono poi nel mondo delle start-up, ma credo che adesso sia arrivato il momento di aprirmi al prossimo capitolo della mia vita. Che non sarà fare televisione».

«Non ho l’ambizione di fare l’imprenditore – spiegava Vialli a Montemagno – e neanche la vocazione, ma diciamo che è una cosa che mi diverte. Sto attraversando un momento fantastico della mia vita, tralasciando il fatto che dal punto di vista della salute non è il massimo. Sono veramente felice in questo momento e credo che il futuro sarà ancora migliore». La scelta è tra un possibile futuro alla Sampdoria e la carica di capodelegazione nella Nazionale italiana offertogli dal presidente della FIGC Gabriele Gravina: «Non posso dirlo, però ci sono due o tre cose che mi si sono prospettate e sulle quali sto lavorando. Alla fine dovrò sceglierne solo una. L’attesa del piacere è il piacere stesso, no? Poi sto studiando molto, perché sono dei ruoli in cui devi essere preparato e non ritenevo di avere ancora tutti gli strumenti, quindi sto facendo un corso online». Ecco l’intervista completa.

Articolo precedente
Samp, l’extra-time costa caro: che classifica senza il recupero
Prossimo articolo
ferrero sampdoriaNiente Londra, Ferrero è a Salerno: ecco perché