Zapata e l’emozione del primo derby: «Come una finale. La pipa è pronta»

zapata sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Duvan Zapata pronto al suo primo Derby della Lanterna: «Sarà come una finale, vogliamo continuare a crescere. Gol? La pipa è sempre pronta»

Mancano solamente due giorni al 115° Derby della Lanterna, il match che terrà col fiato sospeso tutta Genova, in attesa di sapere chi si aggiudicherà la supremazia cittadina. Sabato, per tanti giocatori dell’attuale Sampdoria, sarà la prima volta: tra questi anche Duvan Zapata, che sta vivendo un inizio di stagione strepitoso con 4 gol e 3 assist già all’attivo: «Sarà una partita speciale, per noi, per loro, per tutta la città. Mi hanno detto fin da subito che sarà come una finale, e così sarà anche sabato sera. Noi speriamo di giocare bene e vincere». L’anno scorso, entrambe le stracittadine sono state decise da un altro colombiano, Luis Muriel: «E’ stato fondamentale l’anno scorso, mi piacerebbe ripetere ciò che è riuscito a fare lui, però penso che la cosa più importante sia continuare il nostro percorso a livello di squadra. Non mi aspettavo di cominciare così bene con questa maglia ma ora voglio proseguire su questa strada».

Quella inventata dal numero 91 è probabilmente l’esultanza più rappresentativa di sempre, nella storia dei giocatori della Sampdoria. Il gesto di fumare la pipa come il Baciccia è già entrato nel cuore del pubblico doriano, che sogna di rivederlo anche sabato sera: «E’ nata in modo particolare – spiega l’ex Napoli -, ora è diventata una piacevole abitudine per emozionare ancora i nostri tifosi. La pipa è pronta? Magari, quella è sempre pronta perché sono un attaccante e vivo per i gol, ma ripeto: conta portare a casa una vittoria». Venti punti in dieci partite e un sesto posto conquistato, ma Zapata rimane con i piedi per terra: «Vogliamo arrivare il più in alto possibile, siamo consapevoli di fare le cose per bene e gli obiettivi si conquistano piano piano. Siamo sereni – conclude – e a fine stagione sapremo per cosa potremmo lottare».