Zapata e Ferrero, siparietto comico: «Il mio cuore è suo» – VIDEO

Ferrero Zapata
© foto www.imagephotoagency.it

Zapata e Ferrero si sono abbracciati nel post-partita di Sampdoria-Milan, durante le interviste con la stampa presente: in scena un piccolo show

In tre anni abbiamo imparato a conoscerlo, Massimo Ferrero è un tipo passionale, capace di cogliere il lato romantico fin troppo manovrato dalla potenza economica del denaro. Il suo lato energico, a tratti comico ma pur sempre sincero, è sempre stato mostrato agli occhi delle telecamere, durante sia i momenti felici sia quelli più cupi, quando i risultati non hanno premiato il lavoro maniacale svolto in settimana da squadra e staff tecnico. Piano piano le soddisfazioni arrivano, i piccoli traguardi vengono raggiunti e le ambizioni cominciano a salire. Il tutto grazie a un insieme di fattori, cui si aggiunge inevitabilmente ed evidentemente la tenacia del presidente nel voler coltivare e portare avanti una propria idea, malgrado abbia approcciato al mondo del calcio tardivamente. Se la scelta di portare a Genova i nomi di grandi campioni del calibro di Antonio Cassano e Samuel Eto’o non hanno pagato, così come l’esonero di Walter Zenga, l’acquisto di Duvan Zapata sta dando ulteriormente ragione a un’intenzione più che azzeccata in fase di mercato.

Ferrero lo ha rifiutato a giugno, poi è tornato sui suoi passi e ha convinto il collega e amico Aurelio De Laurentiis, con contatti assidui per una settimana, a venderlo alla Sampdoria, senza cedere alle lusinghe del Sassuolo. Il colombiano è a quota due reti in tre partite, avendo ferito prima il Torino e poi Milan, e il patron doriano non può che essere soddisfatto. Perché, giustamente, non vantarsi ed elogiarlo in pubblico? I due si sono incontrati nel post-partita della sfida di ieri nella pancia del “Ferraris”, mentre si intrattenevano a turno con la stampa presente. Ferrero lo ha notato, rincorso e abbracciato. Successivamente ha esclamato, con tanto di pacca sul petto del giocatore: «L’unico grande cuore di Ferrero. Grazie». Un attestato di fiducia e affetto, un modo per farlo sentire già a casa nella più totale serenità. Zapata, visibilmente emozionato, si è limitato a un «grazie a lei», ma nulla di nuovo. Il numero 91 parla poco e dimostra sul campo con i fatti.