Bonetti: «La mia Samp? Ci davamo i cazzotti, ma nessuno lo sapeva»

© foto www.imagephotoagency.it

Come ogni giorno, torna l’appuntamento con #70diNoi, l’iniziativa della Sampdoria che si protrarrà fino al 12 agosto per celebrare i propri 70 anni di storia. Mancano 19 giorni e oggi è il turno della sezione My Samp, che ha il compito di raccontare la storia blucerchiata attraverso la voce dei suoi protagonisti.

Tra questi anche Ivano Bonetti, centrocampista che trascorse al Doria tre stagioni dal 1990 al 1993, e fu quindi tra i protagonisti della storica impresa del tricolore: «Per me la Sampdoria ha rappresentato la felicità, perchè si giocava a calcio e volevamo vincere per divertirci, cosa che spesso e volentieri ci riusciva di fare. Giovinezza, spensieratezza, il massimo della vita. Lo auguro anche al mio peggior nemico ciò che abbiamo vissuto noi. Eravamo una squadra che si divertiva, ma tra di noi all’interno ci davamo i cazzotti e nessuno lo sapeva – svela a SampTV – tant’è che una volta a settimana andavamo a mangiare fuori insieme per riappacificarci, ma il giorno dopo di nuovo giù botte. E questa è stata la nostra arma vincente».

Condividi
Articolo precedente
Ivan accetta il Bari
Prossimo articolo
Frenata su Dodô: gli esterni per ora bastano