Crotone, Nicola e Nalini in coro: «A Genova con mentalità vincente»

nicola crotone
© foto www.imagephotoagency.it

Crotone, dopo il pareggio ottenuto contro il Torino il tecnico Davide Nicola e l’attaccante Andrea Nalini mettono nel mirino la Sampdoria: «Andiamo a Genova, contro un’altra squadra che ha qualità, per raccogliere punti»

Il pareggio ottenuto contro il Torino, con il gol di Simy che è andato a controbilanciare il vantaggio su rigore di Belotti, continua ad alimentare le speranze del Crotone – prossimo avversario dei blucerchiati – di poter restare il Serie A. A fine gara il tecnico degli Squali, Davide Nicola, ha commentato la partita dell’Olimpico, ponendo già un occhio alle prossime sfide, che saranno cruciali per il destino della propria squadra: «Ci aspettavamo una partita difficile – dichiara il mister rossoblù al canale tematico pitagorico – , era ovvio che potessimo andare in difficoltà contro una squadra che in casa ha il passo delle prime tre del campionato. La squadra ha giocato bene contro una grande squadra, con una mentalità encomiabile, perché non riuscire a fare il tuo gioco e strappare comunque un punto è segno di crescita. Ci saranno altre partite così, dovremo continuare a lavorare. Ora stacchiamo due giorni perché i ragazzi hanno bisogno di recuperare, faremo un’altra trasferta contro un’altra squadra che ha qualità, ma noi, indipendentemente dall’avversario, siamo nella condizione di dover sempre fare qualcosa di straordinario». Andrea Nalini, autore dell’assist decisivo per Simy, concorda con il proprio mister: «Portiamo a casa un punto che ci dà continuità di risultati e ci dà la positività per andare a Genova per raccogliere punti anche contro la Sampdoria. Noi non abbiamo mai mollato, adesso ci concentriamo sulla Samp facendo alla lettera ciò che ci chiede il mister: andremo lì con una mentalità vincente per fare risultato».

Condividi
Articolo precedente
Sampdoria BogliascoDue giorni di riposo per la Sampdoria, martedì la ripresa degli allenamenti
Prossimo articolo
bereszynski sampdoriaBereszynski-Sala, un dualismo sulla destra fatto più di ombre che di luci