Il Palermo si aggrappa a Dybala: Samp, non aggrapparti al passato

© foto www.imagephotoagency.it

“Dybala segna per noi”. Se non è andata così, poco ci manca: sono stati diversi i giocatori del Palermo, secondo la stampa siciliana, che nelle ultime ore hanno scritto al loro ex compagno Paulo Dybala chiedendo al bianconero di regalare loro una Joya, battere il Carpi, alimentando così le possibilità dei rosanero di rimanere in Serie A. Possibilità che in ogni caso passano dalla sfida del Barbera di domenica contro la Sampdoria.

In un clima diametralmente opposto a quello della trentasettesima giornata del campionato 2010/2011, i doriani scenderanno in Sicilia. Una sorta di déjà vu, ma come detto gli umori saranno ribaltati: benché nemmeno il Doria sia matematicamente salvo, chi ha tutto, troppo, da perdere, è il club di Zamparini che forse è arrivato al picco massimo di follia in questa stagione con ben 9 cambi in panchina. 

Il sogno legittimo di tantissimi tifosi della Sampdoria si chiama vendetta. Vendetta per quel gol di Fabrizio Miccoli, più concentrato a salvare il “suo” Lecce che a pensare alla propria squadra, e quello di Pinilla a chiudere i conti. Ma la verità, a mente fredda, è che il calcio è fatto anche di questi episodi e nonostante il culmine di quel dramma calcistico si sia raggiunto proprio in occasione della sfida contro i rosanero, a conti fatti c’è poco da vendicare. 

Domenica la Sampdoria dovrà pensare a se stessa e al presente, all’immediato futuro, non aggrapparsi al passato e una storia che, oltre ai tifosi, ha avuto come unico protagonista e superstite quell’Angelo Palombo che siederà in panchina. La Sampdoria dovrà pensare ai suoi tre punti al di là dei desideri di qualche tifoso. Guardare avanti per, ci auguriamo tutti, essere protagonisti domani. E trovare così aggancio e sorpasso nella partita che tutti sappiamo.

Condividi
Articolo precedente
Ponce: «Voglio arrivare in Prima Squadra»
Prossimo articolo
Viviano: «Al Derby penseremo la prossima settimana»