Krsticic: «Grazie Sampdoria, non volevo rubare lo stipendio»

© foto www.imagephotoagency.it

Doveva essere il capitano del futuro ma Nenad Krsticic a sorpresa pochi giorni fa ha risolto il contratto con la Sampdoria e adesso è libero. Adesso Krsticic si racconta, dice di non stare troppo bene e che potrebbe andare meglio e che tutto è stato veloce e inaspettato. Perché questo addio alla Sampdoria? Il serbo afferma di aver preso la decisione nello scorso weekend dopo aver visto di non essere più nei piani della squadra e del tecnico e quindi ha deciso col suo procuratore di non “rubare” per un anno lo stipendio – parole sue – a una squadra che gli ha dato tanto.

Krsticic parla di ultimo atto d’amore nei confronti della Sampdoria e adesso pensa al futuro: tornerà in Serbia solo per allenarsi con il suo preparatore ma non giocherà nella Superliga perché ammette di aver ricevuto almeno due offerte da due club non meglio precisati in Serie A. Il suo futuro è in Italia, ma il suo presente è ancora legato all’amarezza per non aver avuto un confronto con Marco Giampaolo: Krsticic rivela che l’allenatore lo ha valutato dopo pochi allenamenti e si chiede come abbia fatto con così tanta velocità. Dopo i ringraziamenti di rito, a Il Secolo XIX Krsticic chiude rivelando che un giorno potrebbe pure tornare al Doria.

Condividi
Articolo precedente
Sampdoria polacca: piace Linetty
Prossimo articolo
Amichevoli contro Sellero Novelle e Feralpisalò: ingresso libero