Lanciano, Bonazzoli: «Meglio giocare in B che far panchina in A»

© foto www.imagephotoagency.it

Federico Bonazzoli è passato dalla Sampdoria alla Virtus Lanciano e ieri ha detto le sue prime parole in rossonero. In prestito a Lanciano, in conferenza stampa Bonazzoli ha dichiarato: «Sono un ragazzo come tutti gli altri, non sono né Maradona né il salvatore della patria. Non gioco da sei mesi e ho molta voglia di mettere in mostra il mio potenziale. Mi serviva una squadra che mi desse importanza e mi desse pure fiducia come ai tempi della Primavera dell’Inter».

PANCHINA NO – «Ho voglia di fare e mi metto a disposizione di tutti. Quando si è presentata la chance di venire a Lanciano ho valutato e ho ritenuto di accettare la proposta perché la società è sana e ha un gruppo unito e forte. Per me è stato utile fare sei mesi di panchina in Serie A, ma magari farne sei in Serie B con 20 partite è un’altra cosa. Serve per fare esperienza, e non c’è nulla di male a scendere in Serie B per farlo» ha continuato Bonazzoli, per la prima volta in conferenza con gli abruzzesi.

Condividi
Articolo precedente
Moratti: «Eder uomo giusto per l’Inter»
Prossimo articolo
garrone sampdoriaOperazione Fuorigioco, Avv. Garrone: «Vicenda non fondata»