Le probabili formazioni di Bologna – Sampdoria

© foto www.imagephotoagency.it

Quello che andrà in scena domani pomeriggio al Dall’Ara di Bologna sarà un vero e proprio scontro-salvezza, come ha ammesso anche Vincenzo Montella in conferenza stampa. Sarà una gara che dirà molto, soprattutto, sulle capacità di reazione della Sampdoria ad un mercato che ha portato diversi volti nuovi e che l’ha, soprattutto, privata di Martins Eder.

 

Per quanto riguarda i rossoblù padroni di casa, Donadoni dovrebbe affidarsi al consueto 4-3-3 che tanti buoni frutti ha dato nelle precedenti partite. I dubbi più consistenti nella mente del tecnico degli emiliani sembrano riguardare il ballottaggio Mounier-Brienza: chi la spunterà prenderà posto in attacco insieme agli inamovibili Destro e Giaccherini. Ancora fuori dai giochi Camilo Zuniga, colpito da un grave lutto familiare.

 

La Samp, invece, arriva a Bologna con l’emergenza terzini: De Silvestri ancora infortunato e Cassani squalificato sembrerebbero spingere Pedro Pereira verso un posto da titolare, ma attenzione alla tentazione Sala, che spesso – e bene – ha fatto il terzino destro a Verona. Sull’out sinistro, invece, con Regini diretto a Napoli e Mesbah fuori dalle grazie di Montella, Dodô partirà certamente titolare. Per quanto riguarda la coppia centrale, Ranocchia potrebbe esordire affiancato da Moisander. A Centrocampo c’è da registrare l’importante ritorno di Soriano, che affiancherà l’inamovibile Fernando e uno fra Barreto e Ivan. Infine, dietro Cassano agiranno Correa – sicuro del posto e, a sorpresa, – complice l’assenza di Carbonero – Ricky Alvarez, che giocherebbe così la sua prima partita da titolare con la maglia della Samp.

 

BOLOGNA (4-3-3): Mirante; Rossettini, Oikonomou, Gastaldello, Masina; Taider, Diawara, Donsah; Brienza, Destro, Giaccherini.

SAMPDORIA (4-3-2-1): Viviano; Pereira, Ranocchia, Moisander, Dodô; Soriano, Fernando, Barreto; Correa, Alvarez; Cassano.

Condividi
Articolo precedente
Primavera: 1-0 sul Carpi all’intervallo
Prossimo articolo
Mati Fernandez, la Samp insiste