Lega Pro: Falcone decisivo, ancora sconfitta la Pro Patria

falcone livorno
© foto www.imagephotoagency.it

Torniamo a raccontarvi delle imprese dei blucerchiati in prestito in Lega Pro e iniziamo dalla vittoria del Cuneo, ora ad 28 punti in classifica davanti al Giana Erminio, contro la Pro Patria, fanalino di coda di questo girone. A differenza di Corsini, che resta in panchina a osservare la vittoria dei suoi, maturata grazie al rigore di Chinellato, autore anche della rete del raddoppio nel secondo tempo, Sampietro nella Pro Patria parte titolare e colleziona altri novanta minuti di gioco.

Mister Pala, allenatore della Pro Patria, è molto rammaricato al termine del match e in conferenza stampa esterna tutta la sua frustrazione per la situazione: «Purtroppo ci capita di perdere pur non meritandolo e non mi riferisco soltanto ad oggi. Avremmo meritato di vincere contro l’Albinoleffe, contro il Lumezzane ed anche oggi. Non so se il rigore che ci hanno fischiato contro ci fosse oppure no e il secondo gol del Cuneo mi dicono fosse da annullare per fuorigioco, ma al di là di questo sono molto soddisfatto di quel che abbiamo fatto vedere nella ripresa. Abbiamo attaccato in modo ordinato fino alla fine e di questo sono contento, anche se a tratti abbiamo sofferto per via delle non perfette condizioni fisiche di alcuni nostri interpreti, vedi Montini che ha trovato un bellissimo gol, ma non giocando da quattro mesi non poteva essere al meglio. Nelle ultime tre gare avremmo meritato di raccogliere almeno 7 punti, ma purtroppo ne abbiamo portato a casa soltanto uno pur avendo creato tanto. Nonostante l’ultimo posto in classifica non siamo comunque inferiori a formazioni come Cuneo, Albinoleffe e Lumezzane».

Pareggio per il Savona di Falcone in trasferta contro il Santarcangelo.  Il tabellino a fine partita recita 1-1 ma è il Santarcangelo a spingere per continuare la striscia positiva di risultati: al minuto numero otto è Guidone a depositare il pallone tra le braccia di Falcone. Durante la prima frazione di gioco ci sono vai capovolgimenti di fronte ma nulla che possa impensierire entrambi i portieri. Nella ripresa invece è subito Margiotta a rendersi pericoloso ma Falcone para senza problemi. Lo scontro si ripete nuovamente pochi minuti dopo vinto di nuovo dal portiere blucerchiato. A passare in vantaggio è subito il Savona che con il tiro di Palumbo batte Nardi, il pareggio è immediato Guidone ci prova una prima volta ma Falcone di piede respinge, pochi minuti dopo l’incornata dello stesso Guidone si infila a rete alle spalle di un incolpevole Falcone. Giancarlo Riolfo, al termine del match spegne qualsiasi entusiasmo: «Segniamo il punto e la prestazione. C’è rammarico, perché a 6 minuti dalla fine eri in vantaggio, poi sei stato ripreso. Fa male, però guardiamo al lavoro svolto. Falcone? Ha fatto due parate importanti, di cui una risolutiva, però non ne ricordo altre» .

Pareggio anche per il Matera di Rolando, regolarmente in campo fino al 39′ minuto del secondo tempo e poi sostituito da Pagliarini. Ad andare in vantaggio è la squadra del blucerchiato che al 42′ minuto trova il gol con Infantino, dopo una serie di calci d’angolo per il Benevento (ben cinque fino al gol del Matera) e una partita giocata per lo più in attacco dai padroni di casa. Nella ripresa arriva subito il pareggio su calcio di rigore: trattenuta su Marotta che dal dischetto non sbaglia. Il match non vedrà più cambi di risultato.

Condividi
Articolo precedente
30 anni e non sentirli: 1986, Coppa Italia, i quarti contro il Torino
Prossimo articolo
30 anni e non sentirli: 1986, Coppa Italia, il Como si condanna da solo, è finale