Soluzioni d’attacco: Djuricic dal primo minuto contro la Lazio?

Djuricic Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

In attesa di capire quali saranno le soluzioni di attacco scelte da Mister Giampaolo, vediamo allo stato attuale quale potrebbe essere un’alternativa agli infortunati: Djuricic dal primo minuto contro la Lazio

Contro la Lazio, allo stato attuale delle cose, potrebbe essere arrivato il momento di vedere dal primo minuto di gioco Filip Djuricic in campo. Il trequartista, suo ruolo naturale, nel suo passato ha avuto esperienze sia come ala che come seconda punta. Dal 2012/2013 ad oggi Djuricic è stato un giocatore che ha fatto della duttilità una qualità importante; con l’Heerenveen ad esempio è stato impiegato in tre ruoli a seconda delle necessità del suo allenatore, come punta e seconda punta, andando in gol in entrambi i ruoli e come ala per un totale di sette marcature. Nel suo cammino fino al Benfica, nel campionato 2015/2016, non ha sempre svolto il ruolo di trequartista e anche alla Sampdoria in questa stagione ha visto il campo sempre in altri settori di gioco essendo impiegato in qualità di centrocampista centrale nei cambi effettuati da Giampaolo a partita in corso. Ora però la situazione è cambiata: Muriel è pronto a rientrare ma sicuramente non ad affrontare novanta minuti ad alta intensità come si prospettano essere quelli contro la Lazio, Budimir è alle prese con lavoro differenziato per la lussazione alla spalla che, pur essendo meno grave di quella di Schick, difficilmente gli permetterà di vedere il campo. Stessa cosa può dirsi per l’attaccante ceco alle prese con fisioterapia che non potrà prendere parte alla gara contro la Lazio. A questo punto le scelte per Giampaolo si riducono all’alternativa di utilizzare, oltre al veterano Quagliarella, proprio Djuricic in un ruolo che ha già ricoperto e che, come ci auguriamo, possa mettere in luce le sue doti e portare nelle casse della Sampdoria qualche gol.

Condividi
Articolo precedente
Bisoli sampdoriaPonte di Legno accoglie la Samp: «Ripetiamo l’anno straordinario»
Prossimo articolo
FerreroFerrero: «Schick? Mi chiedo come solo io mi sia accorto di lui»