Uno dei segreti di Viviano è Sardini: allena tecnica e mente

© foto www.imagephotoagency.it

Dopo aver salvato la Sampdoria al Mapei Stadium parando il rigore calciato da Domenico Berardi, Emiliano Viviano è finito in vetrina. Decisivo per il pareggio della squadra blucerchiata, il portiere deve ringraziare per la sua crescita anche il preparatore dei portieri Andrea Sardini, che riveste un doppio ruolo, cioè tecnico e psicologico, con la supervisione dell’allenatore Vincenzo Montella. Sardini è riuscito a creare un ottimo feeling con Viviano e con tutto il gruppo dei portieri (Puggioni, Brignoli e il giovane Massolo). Da qualche tempo Sardini, come riportato da Il Secolo XIX, si sta facendo crescere la barba: si tratta di un voto legato alla classifica e l’obiettivo appare chiaro da ipotizzare. Arrivato nell’anno della B con Atzori, Sardini lasciò il suo incarico quando il tecnico fu esonerato. Fu richiamato a dicembre 2012 per entrare nello staff di Rossi. Confermato da Mihajlovic, ha conosciuto Viviano nella seconda stagione del tecnico serbo. Da Zenga, però, non è stato confermato, quindi è tornato con Montella, che gli ha dato fiducia. Allenamenti, esercitazioni e preparazioni sempre diverse e il binomio con Viviano sta portando grandi soddisfazioni a tutti.

Condividi
Articolo precedente
Quagliarella show a Bogliasco, Alvarez verso il rientro
Prossimo articolo
Classifica dei rigori in Serie A, Samp ultima