Allenamenti Serie A, Sticchi Damiani: «Speravamo di riprendere prima»

sticchi damiani lecce bonazzoli
© foto www.imagephotoagency.it

Lecce, il presidente Sticchi Damiani sugli allenamenti: «Speravamo di poter riprendere prima del 18 maggio»

Saverio Sticchi Damiani, presidente del Lecce, ha rilasciato una lunga intervista ai taccuini di Tuttosport sull’attuale situazione in Serie A, toccando anche l’argomento allenamenti.

MORALE A TERRA – «Purtroppo questo brutto evento si è abbattuto all’improvviso su un’azienda sana, adesso dobbiamo gestire al meglio il tutto cercando di dare stabilità ed equilibrio alla società. Poi c’è da gestire la parte sportiva: staff e calciatori si sono trovati disorientati perché all’improvviso è venuta a mancare la routine degli allenamenti e delle partite domenicali. È un po’ come orientarsi senza riferimenti e spesso ho sentito un po’ tutti i calciatori scoraggiati»

RIPRESA – «Ci sono due sentimenti contrastanti, da un lato esiste la voglia riprendere la normalità quotidiana e dall’altro sussiste un sentimento di prudenza perché nessuno vuole commettere degli errori che possano nuocere alla salute di tutti. Se si va ad numero costante di contagi, credo che avremo la possibilità di concludere in campionato. Se la curva dei contagi dovesse aumentare presuppongo che, protocollo o meno, il calcio farà fatica a ripartire.».

ALLENAMENTI – «Sinceramente speravamo tutti di ricominciare prima con forme di allenamenti individuali, ma dobbiamo aspettare il 18 maggio».

PROTOCOLLO – «Gran parte dei medici sportivi hanno proposto dei contributi per migliorarlo e spero vengano recepiti in breve tempo».