Connettiti con noi

Hanno Detto

Balotelli: «Non posso paragonarmi a Messi e Ronaldo, ho perso tante occasioni…»

Pubblicato

su

L’attaccante italiano Mario Balotelli ha parlato delle occasioni perse nella sua carriera: le sue parole

Mario Balotelli, attaccante dell’Adana Demirspor convocato anche da Mancini nell’ultimo stage della Nazionale, in una intervista a The Athletic ha parlato delle occasioni perse nella sua carriera.

OCCASIONI PERSE – «Al giorno d’oggi non posso dire di essere bravo come Ronaldo, perché Ronaldo ha vinto quanti palloni d’oro? Cinque? Non puoi paragonarti a Messi e Ronaldo, nessuno può. Ma se parliamo solo di qualità, di qualità calcistica qualità, non ho nulla da invidiare a loro, ad essere onesti. Ho perso alcune occasioni per essere a quel livello. Ma sono sicuro al 100% che la mia qualità è allo stesso livello di queste persone, ma io… Ho perso alcune occasioni, sapete? Succede».

NAZIONALE – «L’unico obiettivo che ho è andare in Nazionale e provare a portarla al Mondiale, cercando anche di arrivare ai primi tre posti in campionato con l’Adana. So che non è facile, ma sono queste le cose più importanti in questo momento. Sento che può essere così per il resto della mia carriera, ed è quello che voglio, voglio solo tornare in Nazionale. Gli ultimi due anni non sono stati molto facili per me, a Monza e Brescia. Ho avuto anche degli infortuni. Per me la normalità dovrebbe essere essere in Nazionale. La cosa che non è normale è quando non lo sono. Quindi ovviamente sto lavorando per essere lì a marzo quando avremo le qualificazioni e spero che sarò convocato».

MANCHESTER CITY – «Lasciare il Manchester City penso che sia stato il mio più grande errore. Nell’anno in cui sono partito ho giocato molto bene a Milano per un anno e mezzo, ma dopo ho avuto dei problemi. E ora che sono più grande, so che non avrei dovuto lasciare il City in quel momento. Tutti questi anni hanno visto il City migliorare, migliorare e migliorare. Avrei potuto essere come Sergio Aguero per molto tempo…».