Bereszynski fra addio e permanenza: la situazione

bereszynski sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Sala gli ha rubato il posto da titolare, ora Bereszynski è a un bivio: restare a Genova per giocarsi il posto o chiedere la cessione

Da qualche settimana a questa parte, le gerarchie sulla fascia destra della Sampdoria sembrano essere cambiate. Se fino a marzo, infatti, il padrone assoluto dell’out di destra è stato Bartosz Bereszynski, l’ultimo mese e mezzo di campionato ha visto Jacopo Sala guadagnare sempre più minutaggio in campo, fino a relegare il compagno in panchina. La stima del tecnico doriano Marco Giampaolo per il numero sette blucerchiato è sempre stata molta, questo è noto, ma dallo scorso anno la titolarità del polacco ex Legia Varsavia non era mai stata messa in dubbio. In questo finale di stagione, invece, Giampaolo sembra aver voluto dare una svolta offensiva mettendo da parte un giocatore più bravo nel difendere e lasciando spazio a un interprete più spiccatamente propenso all’uno contro uno e, soprattutto, più tecnico e utile nell’ottica di una circolazione continua del pallone.

Insomma, Bereszynski sembra aver subito un declassamento a panchinaro, una situazione che a un nazionale polacco non può stare certo bene. Ecco perché è legittimo porsi qualche dubbio sul futuro del classe ’92. Il contratto che lo lega alla Sampdoria è in scadenza nel 2023, dunque il club blucerchiato può considerarsi assolutamente tutelato dal rischio di perdere il giocatore a cifre basse. Il valore del cartellino del terzino potrebbe aggirarsi fra i 12 e i 15 milioni, una cifra importante che permetterebbe alla Samp di realizzare l’ennesima plusvalenza. L’Inter si era interessata a Bereszynski in passato, ma adesso sembra che il club nerazzurro stia sondando altri profili per il ruolo di terzino.

In tutto ciò, vanno tenute presenti anche le ambizioni del polacco, che recentemente non ha chiuso dinnanzi alla possibilità di lasciare Genova per compiere un ulteriore step nella propria carriera. Dichiarazioni che, viste a posteriori e nell’attuale situazione in cui si trova il numero ventiquattro, ormai riserva di Sala, assumono ancor più rilevanza. Facile immaginare che, se Giampaolo dovesse restare alla guida della Sampdoria, Bereszynki e l’agente chiedano garanzie per restare a Genova – garanzie che difficilmente potrà dare il tecnico. Ecco perché non è da sottovalutare l’ipotesi di una cessione del terzino, cessione che permetterebbe magari alla Sampdoria di raccogliere il denaro necessario per dare l’assalto a Fabio Depaoli.