Cessione Samp, l’ultima parola spetta alla FIGC

gravina
© foto www.imagephotoagency.it

La FIGC istituisce una nuova commissione: si occuperà di verificare la solidità degli acquirenti nelle operazioni di cessione dei club

La cessione societaria della Sampdoria continua a tenere banco in casa blucerchiata. Il vantaggio accumulato dalla cordata araba rappresentata da Aquilor Capital è importante, ma il gruppo guidato da Gianluca Vialli – che non ha nascosto il suo desiderio di fare il dirigente – continuerà a dare battaglia per assicurarsi il club, anche se, per il momento, l’offerta fatta pervenire a Massimo Ferrero è ben al di sotto sia delle aspettative del presidente blucerchiato che della proposta arrivata a Corte Lambruschini per mano del fondo inglese – proposta che garantirebbe peraltro a Ferrero la possibilità di restare presidente per alcuni mesi.

Che la Samp venga ceduta al gruppo di Vialli o agli arabi, però, si può dire che l’ultima parola prima di definire la cessione spetterà in ogni caso alla FIGC, che in questi giorni ha costituito una commissione avente per obiettivo la verifica dell’effettiva solidità degli acquirenti nelle operazioni di compravendita delle società calcistiche italiane. Una tutela in più per tutti i club dunque, e una misura preventiva volta a evitare spiacevoli situazioni che sempre più si verificano nel calcio nostrano – basti pensare a quanto successo al Parma qualche anno fa. Che si tratti di Vialli piuttosto che della cordata araba, la solidità dei nuovi acquirenti dovrà dunque essere verificata non solo dalla Sampdoria, ma anche dalla FIGC.