Cessione Samp, si passa ai fatti: ecco l’offerta di Vialli

gianluca vialli
© foto www.imagephotoagency.it

Cessione Sampdoria, arrivata l’offerta del gruppo di Vialli: 80 milioni puliti per Ferrero

Il presidente Massimo Ferrero è stato accontentato e, dopo le polemiche di questi giorni per le troppe parole e i pochi fatti, adesso le trattative per la cessione della Sampdoria vedono finalmente gesti concreti da parte dei possibili acquirenti. Come vi avevamo anticipato ieri, la cordata di imprenditori rappresentata da Gianluca Vialli – di cui fanno parte anche Fausto Zanetton, Alex Knaster e il CEO di York Capital Management Jamie Dinan – ha infatti recapitato sulla scrivania dell’advisor Mediobanca un’offerta ufficiale che ha sfondato il muro dei 100 milioni lordi.

A Ferrero rimarrebbero in mano 80 milioni puliti, al netto dei debiti bancari del club: tuttavia – fa notare Il Secolo XIX – a questa cifra andrebbero detratti circa 3,8 milioni, poiché la Holding Max, la società al vertice dell’universo Ferrero, comprende anche una quota di partecipazione pari al 4,76% ceduta tre anni fa dal nipote Giorgio e schermata da Unione Fiduciaria. Insomma, non si sa effettivamente a chi faccia capo questa quota, ma di certo non potrà essere rientrata nell’incasso del Viperetta in caso di cessione. In ogni caso, il passo avanti richiesto è stato fatto e l’offerta verrà valutata: in caso di fumata bianca, l’operazione si potrebbe chiudere entro fine mese, mentre per gli altri pretendenti – come il fondo Aquilor – i tempi si allungherebbero non poco.