Cessione Samp, spuntano un altro fondo e una cordata con Garrone

ferrero sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Agli americani di York Capital Management si aggiungono Oaktree Capital e una cordata di imprenditori genovesi guidata da Garrone

Negli ultimi dieci giorni, anche per merito dei ritrovati punti di sapore europeo da parte della Sampdoria in campionato, non si è parlato più della cessione della società. Naturalmente, però, ciò non significa che la trattativa per il passaggio di mano del club di Corte Lambruschini si sia arenata, anzi. Il dialogo con gli americani di York Capital Management sarebbe fitto e proficuo e, dopo la fase già avvenuta della due diligence – l’analisi dei conti – secondo Primocanale si potrebbe addirittura arrivare ad un accordo entro la fine di maggio.

La novità, però, sta nel fatto che quello di Jamie Dinan non sarebbe l’unico fondo interessato alla Sampdoria. Il presidente blucerchiato Massimo Ferrero avrebbe cioè più di una proposta sulla propria scrivania. Una seconda possibilità porterebbe infatti a Oaktree Capital, hedge fund a stelle e strisce dalle grandissime potenzialità economiche – il patrimonio stimato ammonta a circa 122 miliardi di dollari – che sarebbe stato avvicinato alla Sampdoria ancora una volta da Paolo Fiorentino, l’uomo-chiave di qualsiasi trattativa con un compratore americano.

Attenzione però anche ad una terza opzione: una cordata di imprenditori genovesi guidata da chi la Sampdoria l’ha lasciata nelle mani di Ferrero, Edoardo Garrone. Per quanto riguarda quest’ultima opzione, potrebbe trattarsi di una semplice alternativa alle proposte americane o di una vera e propria concorrente dei fondi internazionali per l’acquisto della società, questo non è ancora dato saperlo. Dal canto suo Ferrero sembrerebbe essersi convinto a cedere – sempre dietro un’offerta ritenuta congrua – per le ostilità di parte della tifoseria verso i suoi modi di fare e verso il suo personaggio.

Si dovrà dunque attendere ancora poco e le cose potrebbero prendere una piega decisiva per il futuro della Sampdoria. Quel che è certo è che i tifosi non debbano farsi illusioni relativamente ad eventuali spese fuori dal comune perché, come confermato all’emittente genovese dalla fonte in contatto con le trattative di cessione, qualunque sia l’esito delle negoziazioni, chiunque arriverà a prendere la Sampdoria non potrà fare a meno del gioco delle plusvalenze per mantenere i conti in verde e mandare così avanti la società.