Dalla Polonia: ipotesi prestito per Kownacki

kownacki sampdoria
© foto Valentina Martini

Inizio di stagione deludente per Kownacki con la maglia blucerchiata: i media polacchi pavantano l’ipotesi di un prestito

Che la stagione di Dawid Kownacki non si iniziata con il piede giusto è cosa evidente. L’attaccante polacco, che avrebbe dovuto prendere questo come l’anno della consacrazione in Serie A, non sta trovando il campo con continuità se non per spezzoni finali di partita, e ciò che sorprende più di ogni altra cosa è la poca incisività mostrata al momento dell’ingresso in campo. Lo scorso anno Kownacki era la vera e propria arma segreta di Marco Giampaolo: spesso entrava e sparigliava le carte della difesa avversaria grazie alla sua freschezza e alla voglia di mettersi in mostra. Di quel giocatore famelico in questa stagione non si è vista nemmeno l’ombra: un solo gol su rigore, un penalty decisivo sbagliato a Cagliari e tante prestazioni sottotono. Kownacki ha anche perso il posto nella nazionale maggiore della Polonia, retrocedendo in Under 21.

Insomma, un vero e proprio periodo buio, tanto che i media polacchi si stanno interrogando su cosa sia successo a quello che è sempre stato considerato dei talenti più fulgidi dell’ultima nidiata biancorossa. E proprio dalla Polonia rimbalza la voce di un possibile prestito dell’attaccante: in questo modo la Sampdoria aiuterebbe il giocatore a ritrovarsi e si tutelerebbe da un’eventuale deprezzamento del cartellino. Per il momento starà a Giampaolo provare a recuperare l’attaccante, soprattutto dal punto di vista mentale: la partita contro il Torino, data anche la situazione infortunati, potrebbe essere la gara giusta per responsabilizzarlo e vedere come risponderà. Se poi il blocco dovesse persistere anche nei prossimi mesi, non è escluso che la Samp faccia le sue valutazioni e possa anche effettivamente decidere per un addio temporaneo.

Articolo precedente
infortunati defrelVerso Samp-Torino: il punto sugli infortunati
Prossimo articolo
Rocchi SampdoriaSamp-Torino, arbitra Rocchi: quel litigio con Mazzarri che non si ripeterà