Defrel-Newcastle conviene alla Samp: il risparmio è notevole

sampdoria pagelle
© foto www.imagephotoagency.it

La Sampdoria è di fronte a un bivio: cedere Defrel comporterebbe un cospicuo risparmio, ma Kownacki vuole restare per essere la quarta scelta?

La vicenda relativa alla cessione di un attaccante in casa Sampdoria sta assumendo i contorni del giallo. Il designato per andare a giocare altrove nella seconda metà di stagione era, come noto, Dawid Kownacki – protagonista ieri di un duro attacco alla stampa polacca -, che fino a una decina di giorni fa sembrava davvero essere a un passo dal Fortuna Dusseldorf. Poi, però, si è iniziato a parlare di Gregoire Defrel come del possibile partente, dato lo scarso minutaggio del francese negli ultimi mesi: prima la proposta dell’Atalanta, adesso quella del Newcastle. E la Sampdoria sta valutando il da farsi, così come il giocatore.

L’agente dell’ex Sassuolo ha chiarito che la volontà di Defrel sarebbe quella di continuare a Genova ma, postulando il mancato riscatto a fine stagione dalla Roma data la presenza di Gabbiadini in rosa, è normale che l’attaccante classe ’92 stia facendo i propri calcoli in vista della seconda parte di stagione, che potrebbe vederlo chiuso e ridotto a quarta scelta. Ora, se il Newcastle dovesse riuscire a convincere il giocatore, i Magpies assicurerebbero alla Roma 15 milioni per il cartellino dell’attaccante, cosa che potrebbe invogliare i giallorossi a cedere subito il giocatore interrompendo il prestito con la Samp.

La società di Corte Lambruschini, dal canto suo, si vedrebbe tornare indietro metà dei soldi spesi per il prestito di Defrel – circa 500.000 euro dunque – e risparmierebbe sui prossimi mesi di stipendio dello stesso giocatore. Una soluzione che potrebbe perciò accontentare tutti, ma che rischia di rivelarsi un’arma a doppio taglio: in primis perché Marco Giampaolo ha sempre dichiarato di puntare ancora molto su Defrel e di non volersene privare. Secondariamente, perché il rischio sarebbe quello di tenere in rosa un giocatore come Kownacki, demotivato dallo scarso impiego e costretto a recitare un ruolo marginale fino al termine della stagione. Considerazioni che la Samp dovrà giocoforza fare prima di prendere una decisione nell’uno o nell’altro senso.